BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ "No al velo, moschee controllate dallo Stato": la lezione della Tunisia all'Italia

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

E mentre il mondo arabo musulmano si interroga, non sempre con esiti scontati, sulla questione del velo integrale e ne decreta in sostanza la "non islamicità", poco tempo fa in Italia veniva alla luce una lettera inviata ad alte cariche dello Stato nella quale un gruppetto di estremisti, molti dei quali poi partiti per il jihad in Siria, rivendicava l'esigenza urgente di bloccare la mia proposta di legge sul divieto di burqa e niqab. Bene, a chi scrisse e a chi ricevette questa lettera, voglio dedicare l'ultimo ma non meno importante estratto dalle parole del ministro tunisino Battik: "Le moschee? Debbono sottoporsi al controllo dello Stato altrimenti verranno chiuse. Il niqab? Proibirlo non sarebbe un problema". Certo, siamo in Tunisia, mica in Italia.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
02/04/2015 - Una lettura interessante (Giuseppe Crippa)

Sul tema “niqab” consiglio la lettura della home page del sito www.niqab.it nel quale donne musulmane spiegano di cosa si tratti. Dopo l‘introduzione invito a leggere il commento di una cristiana che pone il problema della reciprocità e più ancora la risposta a questo commento. Grazie a Souad Sbai: le sono sempre più riconoscente per i suoi articoli.