BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

SOS MIGRANTI/ Luttwak: l'invasione dalla Libia? Renzi ringrazi Hillary Clinton (e Obama)

InfophotoInfophoto

Se lo Stato italiano si rifiuta di applicare la legge, sicuramente pagherà un prezzo più alto. Se invece comincia a rimandarli indietro sistematicamente, a quel punto gli altri smetteranno di partire.

 

Che cosa ne pensa dell’ipotesi di utilizzare i droni per fare la guerra agli scafisti?

Non sono necessari dei metodi particolarmente sofisticati. Basta una perlustrazione aerea quotidiana in grado di individuare i barconi e affondarli prima che siano caricati di immigrati. I droni non servono, bastano un missile o un razzo.

 

Quanto ci vorrà?

Il numero dei barconi è limitato, ogni giorno ne circolano due o tre. Se si riuscisse a distruggerli prima che siano caricati di immigrati, sarebbe un’operazione umanitaria perché si salverebbero delle vite umane. Dopo avere distrutto un certo numero di barconi, i trafficanti che sono degli imprenditori abbandonano questo mestiere e se ne trovano un altro.

 

Gli immigrati arrivano solo dalle coste libiche?

No, vengono anche dalla Turchia. Renzi dovrebbe dire al governo turco che se non smette di utilizzare i suoi porti per inviare in Italia ogni giorno degli immigrati, Turkish Airlines non avrà più il permesso di atterrare in Italia. La politica di Erdogan è quella di islamizzare l’Europa inviando immigrati via mare. A differenza della Libia, la Turchia è uno Stato organizzato e quindi i flussi che partono dalle sue coste sono una vera e propria forma di aggressione demografica.

 

Quando Renzi è venuto a Washington, ha parlato con Obama degli sbarchi?

Sì, ma le discussioni su questo argomento erano prive di qualsiasi contenuto serio. L’America non c’entra, quando sta avvenendo è un problema italiano ed europeo. Non c’è bisogno di nessun appoggio o partecipazione degli Stati Uniti per risolvere questo problema.

 

Davvero gli Usa possono chiamarsi fuori da questa vicenda?

Gli americani sono presenti nel Mediterraneo e cooperano con le forze armate italiane. Possono quindi mettere facilmente a disposizione gli aeroplani di ricognizione per aumentare il numero di quelli italiani già presenti, nel caso in cui questi ultimi non fossero sufficienti. Non stiamo comunque parlando di identificare terroristi nella giungla, ma di vedere barconi sulle coste, che è un’operazione molto più semplice.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
23/04/2015 - Luttwak (Ma BA)

Come sempre Luttwak è chiaro e anche brutale, senza le ipocrisie tipicamente europee. E' altrettanto chiaro che lo stato italiano è incapace di approntare una seria strategia e l'esempio della Turchia è illuminante: non siamo in grado di opporci a chicchessia. Sul perché rimane da scegliere fra due alternative: o proprio siamo incapaci oppure non vogliamo perché in fondo questo flusso di immigrati fa comodo a troppi che contano in politica.