BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

STRAGE IN KENYA/ Olimpio: c'è una caccia ai cristiani, la jihad vuole annientarli

InfophotoInfophoto

Ci vorrebbero delle prove più concrete e dei segnali più consistenti rispetto a queste dichiarazioni di “terza mano”, e sarei quindi molto cauto. D’altra parte è evidente che da circa due anni Al-Zawahiri è in una fase di ribasso, in quanto è meno attivo e presente, e pur non essendo scomparso ha certamente sofferto la concorrenza dell’Isis.

 

Se confermata, quale sarebbe il peso di questa notizia?

Se l’annuncio di Al-Zawahiri fosse confermato sarebbe un fatto clamoroso, in quanto sarebbe il segno del fatto che Al-Qaeda riconosce la supremazia dell’Isis. Finora però non abbiamo avuto nessun annuncio ufficiale né da parte di Al-Zawahiri né da parte di membri di Al Qaeda vicini al leader. Abbiamo soltanto un ex qaedista che cita i ribelli siriani che citano a loro volta un gruppo qaedista. Il passaggio è quindi un po’ lungo, ed è necessaria prudenza.

 

Fino a che punto Al Qaeda è un’organizzazione strutturata e non soltanto un marchio che ciascun gruppetto jihadista usa a suo piacimento?

La struttura c’è ma non è più la stessa di un tempo. Ha subito dei colpi e un’evoluzione, dalla morte di Osama bin Laden ha dovuto affrontare la concorrenza dell’Isis. Al-Zawahiri non si è mai imposto come capo assoluto, o quantomeno non ha avuto la stessa autorità e carisma di bin Laden. Ci sono però alcune fazioni molto importanti che si riconoscono nell’organizzazione, come Al Qaeda nella Penisola Arabica, che è una delle realtà più forti.

 

L’Isis ha minacciato più volte di colpire l’Italia. E’ realmente in grado di farlo?

Le minacce fanno parte della strategia di questi gruppi terroristici, ma bisogna poi vedere quanto riescano a metterle in atto. Resta il fatto che i gruppi islamisti, e non soltanto l’Isis, hanno la tendenza a fare quello che dicono e a dire quello che fanno. Bisogna sempre accogliere queste manifestazioni e questi segnali con una certa attenzione, senza esagerare ed enfatizzare, ma tenendone conto perché a volte contengono delle segnalazioni importanti.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.