BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ARABIA SAUDITA/ Cercasi boia, il numero dei condannati da giustiziare è in aumento

Il numero delle condanne a morte è talmente in aumento in Arabia Saudita che il govenro cerca otto nuovi boia da assumere. Ecco di cosa si tratta in questa news

Immagine di archivio Immagine di archivio

In un momento storico di crisi del lavoro globale ogni annuncio di lavoro è benvenuto. Quello che il governo dell'Arabia Saudita ha appena pubblicato però dimostra una volta di più la poca differenza fra questo paese e lo Stato Islamico che la stessa Arabia si sarebbe impegnata a combattere. La richiesta di carnefici è in aumento, le condanne a morte infatti sono in crescita rispetto allo scorso anno e dunque c'è bisogno di otto nuovi boia. Il metodo di lavoro? Decapitazione con scimitarra. Non solo: gli otto nuovi boia devono anche essere esperti nell'arte dell'amputazione perché come si sa secondo la legge islamica ai ladri ad esempio vengono amputate le mani e via discorrendo. La loro definizione professionale? "Funzionari della religione". L'Arabia saudita si conferma nella poco gloriosa top five dei paesi con più esecuzioni capitali: attualmente è al numero tre, dopo Cina e Iran, e davanti a Iraq e Stati Uniti. Da quando è cominciato il 2015 le esecuzioni sono state 85 contro le 88 di tutto il 2014. La maggior parte di queste erano condanne per omicidio, 38 invece per spaccio e uso di droga. La metà circa erano cittadini sauditi, gli altri immigrati provenienti da Pakistan, Yemen, Siria, Giordania, Indina, Filippine e altri paesi. 

© Riproduzione Riservata.