BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARI/ Il piano dell'Isis per far "saltare" la monarchia saudita

Barack Obama (Infophoto) Barack Obama (Infophoto)

Infine, perfino con Israele, l'alleato storicamente vicinissimo agli Stati Uniti, i rapporti si sono notevolmente raffreddati. La situazione interna di Israele si è molto radicalizzata, in senso nazionalistico e religioso, rispetto al Paese voluto e fondato dai socialisti sionisti e ciò rende sempre più lontano un accordo con i palestinesi. Accordo, peraltro, che sembra più centrale per alcuni Stati europei che non per il mondo arabo, diviso tra il sostegno alla islamista Hamas a Gaza e alla laica Fatah nei Territori.

Solo un'azione concordata tra Usa, Ue e Russia potrebbe portare alla soluzione di almeno alcuni di questi problemi, ma ciò sembra molto difficile visto l'atteggiamento di Obama e il suo dar luogo a una nuova Guerra Fredda, mentre sta iniziando una movimentata campagna per le prossime presidenziali. E l'Europa sembra sempre più chiusa nelle sue liti da condominio.

© Riproduzione Riservata.