BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ELEZIONI UK/ La sconfitta del Labour incorona Renzi e "rottama" Bersani

Pubblicazione:

Ed Miliband. Ieri si è dimesso (Infophoto)  Ed Miliband. Ieri si è dimesso (Infophoto)

Il New Labour e la Neue Mitte (il Nuovo centro) si proiettavano oltre i confini del laburismo degli inizi del Novecento e della socialdemocrazia classica di fine Ottocento. In termini di cultura politica e di policy prendevano atto che stavano affermandosi sulla scena sociale e politica nuovi strati sociali, politicamente definibili come “centro”. La reazione culturale dei vecchi partiti e dei sindacati tradizionali ha messo nell’angolo quell’impostazione audace della sinistra non solo in Gran Bretagna e in Germania, ma in tutta Europa, dalla Spagna, alla Francia, all’Italia.

Il blairismo, in particolare, fu travolto da una serie di accuse di tradimento, complice anche l’alleanza con Bush in Irak. La realtà sì è però presa le sue vendette. Gordon Brown, che aveva sempre mal tollerato il blairismo, ha chiuso la propria breve esperienza. Nel conflitto che si accese tra i fratelli Miliband, Ed e David, figli di Ralph Miliband, un intellettuale marxista inglese molto noto, fu Ed a vincere, sia pure di poco, appoggiato dal personale politico gordoniano. David se ne andò “in esilio” negli Usa. Ora questo capitolo del ritorno al pre-blairismo pare chiuso. Tornerà David Miliband?

In Francia, Hollande è stato costretto a ricorrere a Valls, che governa su posizioni liberali ed europeiste, mal tollerate dalla sinistra radicale e nazionalista. La sinistra socialista spagnola è stata messa sotto assedio da Podemos, su posizioni “indignate”. Quanto all’Italia, la cronaca degli ultimi tre anni ha riproposto uno schema di scontro analogo a quello degli altri Paesi europei, con un esito a scoppio ritardato e imprevisto dai più. Renzi ha provato a fare il Blair/Schröder all’italiana. E ha vinto.

Sembrano dunque ripresentarsi due modelli di sinistra in Europa: il modello sinistra-centro e il modello sinistra-sinistra, che per ora è vincente solo in Grecia. Detto all’italiana: lo scontro tra il partito della Nazione (partito del Paese) di Renzi e la “ditta” Bersani-D’Alema; tra il partito che va oltre i vecchi confini di classe e il partito del “nessun nemico a sinistra”; tra il partito interclassista e il partito/sindacato dei lavoratori. Insomma: le elezioni inglesi parlano a noi e di noi.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
19/05/2015 - AH L'IGNORANZA DELLA STORIA DEL MOVIMENTO OPERAIO! (GIOVANNI COMINELLI)

Il Labour party non è nato dalla socialdemocrazia, ma dal Movimento di Owen, influenzato anche da Mazzini. Studiare per credere. La socialdemocrazia tedesca si è divisa tra la fine degli anni 80 e i 90 con Lafontaine, tra una socialdemocrazia "vetero" (quella di Lafontaine, che andò ad allearsi con gli ex-comunisti di Gysi) e una socialdemocrazia più liberal (quella di Schroeder: die Neue Mitte). Una cosa analoga accadde in Italia con la corrente migliorista, diretta da Giorgio Napolitano, divisa tra un'ala vetero e un'ala liberal. Il Pds-Ds si è proclamato riformista al Congresso di Pesaro nel 2001, assumendo come riferimento la vetero-socialdemocrazia. Oggi è la corrente "riformista" del PD, cioè l'opposizione interna di sinistra. Renzi proviene da un'altra storia, quella del cattolicesimo fiorentino, oggi divenuto liberal, dopo aver superato il lapirismo profetico. Anche il cattolicesimo democratico si è diviso tra un'ala cattocomunista (Rosy Bindi e simili) e un'ala liberal-democratica (la Lega democratica di Pietro Scoppola, cui è stato vicino lo stesso Sergio Mattarella) che è confluita nel PD come soggetto co-fondatore. Renzi viene da questa sintesi, tra cattolico-liberali e sinistra liberale. Cosa c'entra con i comunisti?!?! Le opinioni pro o contro Renzi sono legittime, purché non si faccia strame della storia reale.

 
09/05/2015 - Si chiama social-democrazia (Moeller Martin)

Quello di Blair, Schroeder e di molti altri compreso lo stesso Miliband si chiama social-democrazia e non ha nulla in comune con i partiti comunistoidi tipo il nostro PD. Renzi poi non rientra in nessuno schema dato che non ha una vera linea politica, eccetto quella di accappararsi il potere e i previlegi per se e per i suoi amici.