BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

MALESIA/ Nudi sul monte sacro: turisti accusati di aver scatenato il terremoto

Quattro turisti sono stati arrestati in Malesia con l’accusa di essersi spogliati sul Monte Kinabalu e di aver così provocato il terremoto di magnitudo 6 del 5 giugno scorso.

Soccorsi in Malesia dopo il terremotoSoccorsi in Malesia dopo il terremoto

Quattro turisti sono stati arrestati in Malesia con l'accusa di essersi spogliati sul Monte Kinabalu e di aver così provocato il terremoto di magnitudo 6 che il 5 giugno scorso ha provocato la morte di 19 persone. La polizia ha fermato nelle scorse ore i quattro ragazzi (due canadesi, un olandese e una giovane inglese) che il 30 maggio scorso erano saliti sul luogo considerato sacro per farsi fotografare nudi. Insieme a loro erano presenti altri sei stranieri che però non sono ancora stati rintracciati e potrebbero già aver lasciato il paese. I quattro arrestati, accusati di atti osceni in luogo pubblico, si sono più volte scusati per per aver offeso la sensibilità della popolazione locale: tanti infatti gli abitanti accorsi in tribunale per accusare i turisti di aver così offeso la montagna sacra e aver spinto gli dei a scatenare il terremoto. Alla fine i quattro giovani sono stati rilasciati e condannati a tre giorni di reclusione (già scontati) e al pagamento di una multa di 1.200 euro a testa.

© Riproduzione Riservata.