BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CAOS MIGRANTI/ Martelli: Renzi, Gentiloni e Mogherini stanno imbrogliando l'Europa

Infophoto Infophoto

Malissimo. La giudico come una prova di inefficienza e di incompetenza. Già il fatto che sui rimpatri si sveglino solo adesso è un fatto incredibile. Per poter fare i rimpatri bisogna sveltire e potenziare le strutture di accertamento dell’identità dei migranti. Nel frattempo bisogna trovare luoghi per accoglierli, altrimenti finiscono nelle strade e stazioni e si offre questo spettacolo pauroso di incuria, di ritardo e di inefficienza. Per non parlare del fatto che ai migranti non si riesce ad assicurare un trattamento minimamente decente.

 

Che cosa ne pensa della linea seguita da Gentiloni e Mogherini, responsabili degli Affari esteri italiani ed europei?

Una volta si annuncia che siamo pronti a combattere in Libia, dopo di che non si fa assolutamente nulla. La Mogherini quindi dichiara che noi non respingeremo neanche un migrante. Poi facciamo i furbi e dopo averli accolti nei centri di accoglienza li lasciamo scappare. Oppure li mettiamo sui pullman e li portiamo al Nord, dando loro il via libera perché vadano negli altri Paesi Ue. Dopo un po’ austriaci, tedeschi e francesi si sono resi conto che facciamo i furbi e hanno chiuso le frontiere.

 

Che cosa sta avvenendo?

Di fatto sono tornati i “passeur”, cioè i trafficanti transalpini che nel primo Novecento aiutavano i clandestini italiani ad arrivare in Francia. Se le autorità italiane si mettono a fare il mestiere del “passeur”, poi è difficile che l’Europa sia solidale nei nostri confronti.

 

Ma in fondo le “furbizie” italiane non sono anche un modo di difenderci da un’Europa che si rifiuta di applicare le quote dopo avercele promesse?

L’Italia sta facendo la furba già da tempo. Ieri il Corriere ha pubblicato la notizia che oltre 50mila richiedenti asilo sono scomparsi senza lasciare traccia, ma nel 2013 il Comune di Milano aveva reso noto che questo fenomeno stava già avvenendo. Siccome gran parte dei migranti non vuole rimanere qui ma ambisce ad andare in Francia, Germania o Svezia, allora l’Italia li lascia andare.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
15/06/2015 - com'è stato bravo il Martelli (umberto persegati)

Il Martelli confronta due fenomeni ben diversi. Quello di cui si vanta è stata un'emigrazione proveniente quasi esclusivamente dalla sola Albania: il riconoscimento dei profughi era facilitato; la situazione, poi, non fu senza drammi, come vuol far apparire. Quella attuale è un fenomeno plurietnico, con gente che viene dall'Asia e dall'Africa e da molti Stati, Trattare con i due Governi libici(ammesso che non sia in corso) non penso produca risultati: quelli che partono dalle coste libiche, se son libici, hanno diritto d'asilo in Italia perché in Libia c'è una guerra civile; se provengono da altri paesi asiatici o africani non hanno alcun diritto di stare in Libia. D'accordo sulla inefficienza e incompetenza del Governo italiano; il problema, però, non è solo dell'Italia, ma dell'Europa e dell'ONU. Il Governo sconta la debolezza di un'Italia povera, in crisi economica perdurante, dilaniata dalle divisioni interne, fagocitata dalla corruzione e dalle mafie di ogni tipo, pubblico e privato. MALA TEMPORA.