BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIARIO ARGENTINA/ Esquivel (Nobel per la pace): indigeni, un'altra ferita alla democrazia

Pubblicazione:domenica 21 giugno 2015

Adolfo Perez Esquivel (Immagine dal web) Adolfo Perez Esquivel (Immagine dal web)

Democrazia non è poter mettere un voto in un'urna, significa diritti e uguaglianza per tutti. Cosa che qui non esiste: questo Governo oppone gli uni contro gli altri e non è aperto al dialogo. Quando si arriva a questo bisogna parlare di autoritarismo. La superbia di chi governa l'Argentina non ha limiti. Durante i recenti festeggiamenti per l'anniversario dell'indipendenza, il 25 maggio, i grandi assenti sono stati i patrioti che hanno formato questa Nazione e che, come Juan José Castelli, parlavano di un'Argentina che restituisse la libertà e le terre ai popoli originari. E non come ora dove si riduce il concetto di Patria a un prima e a un dopo l'avvento del kirchnerismo.

 

(Arturo Illia)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.