BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

TURCHIA-ISIS/ Jean: Erdogan prepara l’invasione di terra per fare un Nuovo Impero Ottomano

Recep Tayyip Erdogan Recep Tayyip Erdogan

Praticamente sì. La Turchia fa parte di una coalizione anti-Isis, ma in pratica appoggia anche il Califfato in quanto rappresentante dei sunniti contro gli sciiti. Lo Stato Islamico nel frattempo combatte sia contro i curdi sia contro gli sciiti. Il quadro è quindi molto complicato. Già nel 2012 la Turchia ha dato ospitalità all’ex vicepresidente irakeno, Tareq al-Hascemi, il quale teneva i rapporti con l’Isis e ha negoziato la liberazione dei 43 diplomatici turchi presi in ostaggio a Mosul.

 

Quali sono le vere priorità di Erdogan?

La principale priorità di Erdogan è quella di costituire una zona cuscinetto in territorio siriano, che fermerebbe anche l’espansione dei curdi siriani verso Occidente. Una zona controllata dalla stessa Turchia anziché dai curdi, che altrimenti rischiano di arrivare fino al Mediterraneo.

 

In che modo si costituirà la “zona cuscinetto”?

La Turchia per realizzare la “zona cuscinetto” interverrà con le truppe di terra, cioè con un corpo di spedizione di 20mila uomini. Questi ultimi combatteranno contro l’Isis, ma nel contempo anche contro Assad, in quanto andranno a occupare una parte di territorio siriano pari a 100 chilometri per 30, cioè 3mila chilometri quadrati. In questa zona Erdogan concentrerà una parte dei rifugiati presenti in Turchia, che ormai sono 1 milione e 800mila.

 

Come risponderà Assad?

L’operazione turca provocherà un’escalation da parte della Siria, perché Damasco non potrà accettare che i turchi entrino nel suo territorio.

 

Quali conseguenze avrà questa escalation?

Tanto Assad quanto l’Isis saranno fatti fuori per opera della Turchia.

 

Gli Stati Uniti staranno a guardare?

Il principale problema è che i principali alleati degli americani sono i curdi siriani dell’Ypg, che sono però alleati del Pkk il quale combatte contro la Turchia. Erdogan dunque non bombarda solo l’Isis ma anche il Pkk che ha difeso Kobane.

 

Abbattuto Assad e spazzato via l’Isis, chi occuperà quella zona?

Verrà fuori una situazione in stile libico, sempre che non sia stabilito una sorta di “Nuovo Impero Ottomano” che metterà a posto le cose, fino a quando i popoli della zona riusciranno a trovare un accordo di solidarietà nazionale.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.