BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DALLA GRECIA/ Russia, Cina e le altre "balle" che piacciono alla sinistra italiana

Pubblicazione:mercoledì 8 luglio 2015

Infophoto Infophoto

I giornali di ieri martedì riportavano tre scenari: accordo e riforme strutturali, rottura e moneta parallela, oppure “Grexit” e aiuti umanitari. Tsipras, con la forza del 61,31% dei greci, ritornerà vincitore? E  nel caso in cui i 18 gli presentino un accordo inaccettabile? A rigore della sua logica politica dovrebbe indire un altro referendum per consultare il “popolo” circa l’eventuale uscita della Grecia dalla zona euro, ma l’esito potrebbe divergere dal risultato di domenica scorsa. Oppure avviare le procedure per un governo di salvezza nazionale.  Non era questo l’obiettivo che si era prefisso. (Atene, martedì 7 luglio, 14.00 ora locale).



P.S.: La foto del pensionato, Jorgos Hatzifotis, 77 anni, seduto davanti a un banca in lacrime, ha fatto il giro del mondo. Ed è arrivata in Australia. "Questo uomo è un compagno di scuola di mio nonno", scrive l'ellino-australiano James Kufos, sul suo profilo Facebook. E aggiunge: "Gli pagherò la pensione per dodici mesi, e non 120 euro alla settimana, ma 250. Non posso permettermi di veder crollare un orgoglioso connazionale, duro lavoratore. Prego chiunque di fornirmi i dati di questa persona".



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.