BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DIMISSIONI TSIPRAS / Grecia elezioni anticipate il 20 settembre, il premier le annuncia in diretta tv entro le 19

Dimissioni Alexis Tsipras, il primo ministro della Grecia, dovrebbe annunciare il proprio ritiro e le elezioni anticipate. La Grecia dovrebbe tornare alle urne a settembre o ottobre

infophoto infophoto

Fra qualche ora il Premier greco Alexis Tsipras dovrebbe annunciare in diretta le proprie dimissioni, destinando la Grecia a elezioni anticipate il 20 settembre. La tv di Stato di Atene, infatti, ha dato la notizia sia del probabile annuncio che della data probabile del ritorno alle urne, il 20 settembre o il 13 settembre, al più tardi, inizio ottobre. I cittadini greci, quindi, sembrano non trovare stabilità, dopo l’annuncio dell’ultimo piano di salvataggio, il partito a guida del governo è apparso sempre più diviso e i disaccordi sembrano portare inevitabilmente alla rinuncia del premier al proprio incarico. La conferma dovrebbe arrivare entro le 19, ora italiana, dopo la riunione di Tsipras con i propri collaboratori

Alexis Tsipras, il premier greco, dovrebbe annunciare le proprie dimissioni stasera. A riferirlo la televisione di stato greca ErT1, che annuncia che intorno alle 19 di oggi, ora italiana, dovrebbe arrivar l’annuncio ufficiale. Al momento Tsipras è impegnato in un incontro con i propri consiglieri con l’obiettivo, proprio di stabilire la data delle elezioni anticipate. Molto probabilmente il popolo greco tornerà alle urne verso metà settembre o a inizio ottobre. La decisione sarebbe maturata a seguito della spaccatura insanabile che si è creata all’interno del partito del Primo Ministro greco, Syriza. I rumours su possibili dimissioni e elezioni anticipate si erano fatte sempre più insistenti negli ultimi giorni, soprattutto quando Skourletis, ministro per l’Energia e collaborate di Tsipras, aveva chiesto insistentemente un ritorno al voto. Secondo gli ultimi sondaggi, il partito del Premier, sarebbe ancora il primo in Grecia e il consenso si aggira intorno al 33,6%, poco meno di quanto dimostrato durante le elezioni di Gennaio 2015.

© Riproduzione Riservata.