BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IL CASO/ Via dall'Europa verso l'Isis, con 4 figli. Sono ancora padre e madre?

Immagine dal web Immagine dal web

 C'è un destino, nella maternità e nella paternità, è il primo segno e forse il più clamoroso che non ci facciamo da noi, che originariamente dipendiamo. Un tribunale può decidere, è giusto, che un padre o una madre non sono in grado di allevare un figlio, decidere di toglierglielo, di affidarlo a un altro padre e a un'altra madre si spera migliori; ma sempre umani, sempre con la grandezza e i limite di tutti noi umani. Inevitabilmente, un padre e una madre sono dati, e noi dipendiamo.

E allora? Allora che dire, davanti alle immagini di Zahera che porta i figli — se davvero è così, ma se non è Zahira ci sono altre come lei, chissà quante di cui non sapremo mai il nome — verso un destino che, lei è certa, è il migliore per loro? Niente, se non una cosa. Che per sapere che cosa sono davvero un padre e una madre abbiamo una sola possibilità, guardare il Padre e la Madre, la paternità di Dio e la maternità di Maria. Chiedere che ci siano nel mondo tanti padri e tante madri che guardano lì, e possano tirar su i figli come Dio e la Madonna tirano su noi.

© Riproduzione Riservata.