BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

ABORTO / Cile, la legge per consentire l’interruzione di gravidanza

In Cile fa un nuovo passo verso la depenalizzazione dell’aborto. Via libera alla mozione che autorizza il Parlamento a legiferare sul progetto che potrebbe portare all’aborto terapeutico

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Il Cile fa un nuovo passo verso la depenalizzazione dell'aborto. La Commissione di Sanità della Camera ha dato il via libera alla mozione che autorizza il Parlamento a legiferare sul progetto che potrebbe portare all’approvazione del cosiddetto "aborto terapeutico". Il disegno di legge autorizza in particolare l’interruzione di gravidanza in tre casi eccezionali: quando il feto presenta malformazioni, quando la madre è rimasta incinta in seguito a uno stupro e quando la gravidanza mette in pericolo la vita della donna. Non sono ovviamente mancate le polemiche: Radio Vaticana fa sapere che la Conferenza episcopale cilena ha già creato una pagina web intitolata "Grazie alla vita" in cui sono raccolti tutti i documenti della Chiesa locale sull'argomento. "L'aborto non comporta mai una cura da quelle esperienze traumatiche e non è mai terapeutico", si legge nel testo. "Noi sosteniamo che l'aborto non è di per sé un’azione terapeutica per salvare la vita di una madre in pericolo, anche quando la morte della persona concepita è una possibilità prevista, non voluta, non ricercata". Secondo monsignor Fernando Chomali, arcivescovo di Concepción, "questo progetto di legge è sordo a tante esperienze meravigliose dove donne, in situazioni drammatiche e dolorose frutto della gravidanza, grazie all’accompagnamento, all’amore, all’aiuto di diversi tipi hanno partorito e sono andate avanti".

© Riproduzione Riservata.