BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CAOS MIGRANTI/ L'Europa del "liberi tutti" affonda in Italia e in Grecia

Pubblicazione:lunedì 14 settembre 2015

Infophoto Infophoto

Nell'attesa c'è spazio solo per il fai da te, risorsa inesauribile della generosità umana che accomuna popoli scandinavi e mediterranei in una gara all'accoglienza tanto spontanea quanto confusa che va bene a tamponare l'emergenza, ma che non potrà mai affrontare gli elementi strutturali del fenomeno. L'esempio è quanto accaduto dopo l'appello del Papa: si sono moltiplicate idee, iniziative, possibilità nella più grade confusione e nella palese violazione di norme giuridiche e criteri di buon senso. Ancora una volta si riuscirà a lenire il dolore, ma non si affronterà la causa del male.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
14/09/2015 - Caos Migranti (giuseppe samir eid)

Non vedo affrontato nei media oltre all'accoglienza l'aspetto dell'integrazione. Quella culturale non può essere considerata un problema secondario rispetto a quello dell'assistenza materiale. I due aspetti devono essere compresenti, altrimenti il rischio è che i rifugiati interpretino falsamente i centri di accoglienza come enti assistenziali come luoghi che, in cambio dell'assistenza fornita, mirano in realtà al proselitismo. La questione del dialogo fra civiltà e mentalità differenti non può comunque essere demandata esclusivamente ai volontari. Di fronte a questa urgenza anche le istituzioni debbono fare la loro parte. A livello politico l'attenzione è rivolta ai problemi originati dall'incremento del flusso migratorio, mentre poco o niente si fa per l'integrazione culturale dell'immigrato rifugiato nella nostra società. Un'errata concezione della laicità dello stato induce a non sfiorare in ambito pubblico argomenti che abbiano a che fare con la religione. Al contrario l'aspetto religioso rappresenta per ogni arabo, in questo caso penso ai siriani, una dimensione naturale della vita, è parte integrante della propria identità, sia che egli professi la fede cristiana sia che appartenga alla comunità musulmana. Negare a chi giunge nel nostro paese da contesti culturali così lontani notizie minime su ciò riguarda la cultura occidentale equivale a promuovere un inserimento monco nella nostra società. eid.giuseppe@gmail.com