BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

EGITTO/ Strage di turisti messicani e cileni, l'esercito li scambia per jihadisti

Dodici tra turisti messicani e cileni sono stati uccisi per errore dalle truppe egiziane, che li aveva scambiati per terroristi dell'Isis, ecco di cosa si tratta

Immagine di archivioImmagine di archivio

Tragico errore delle forze armate egiziane durante un blitz contro terroristi dell'Isis. Dodici tra turisti messicani e cileni sono stati uccisi mentre erano in viaggio su alcuni suvnella zona del Wahat. Per qualche motivo i mezzi sono entrati in quella che è considerata zona proibita per la presenza di gruppi legati allIsis e sono stati attaccati. Secondo le prime ricostruzioni l'agenzia turistica organizzatrice dell'escursione non aveva avvisato le autorità del loro arrivo e non disponeva delle autorizzazioni. Il governo messicano ha espresso una vibrante protesta per l'accaduto e chiesto una commissione di inchiesta. Ecco cosa sarebbe successo: i turisti erano fermi per la cena quando tre aerei militari hanno lanciato dei missili, quelli che cercavano di scappare sono poi stati inseguiti e uccisi da truppe di terra. L'agenzia organizzatrice si difende dicendo che l'itinerario era un consueto itinerario turistico, dal Cairo all'oasi di Bahariya (a 350 km a sudest della capitale egiziana). Sempre secondo l'agenzia quella zona non è assolutamente vietata ai turisti.

© Riproduzione Riservata.