BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MEDIO ORIENTE/ Così gli errori di Obama aggravano la guerra totale

Pubblicazione:

Mig russo pronto al decollo (Infophoto)  Mig russo pronto al decollo (Infophoto)

Nonostante siano stati spesi circa 3,5 miliardi di dollari, siano stati effettuati più di 6000 raid aerei e 3500 militari americani siano presenti in Iraq, il 75 per cento del territorio riconquistato all'Isis è ad opera dei combattenti curdi. Ai quali i rifornimenti di armi americane non arrivano direttamente, ma attraverso il governo centrale di Baghdad, che non vede di buon occhio la sostanziale indipendenza dei curdi, nel frattempo attaccati anche dalla Turchia. 

Ulteriore incertezza sul reale esito delle operazioni contro l'Isis viene da una denuncia di diversi operatori della Defense Intelligence Agency (Dia), l'agenzia di intelligence della Difesa statunitense, su cui sono state aperte inchieste sia del Pentagono che dei competenti comitati del Congresso. Secondo la denuncia, i rapporti di intelligence su Isis e al-Nusra sono stati edulcorati, descrivendo questi gruppi come più deboli per allinearli alle posizioni ufficiali del governo sui successi della lotta contro gli estremisti. Inevitabile il parallelo con le false informazioni dell'intelligence a Bush, che furono alla base della guerra in Iraq. Il generale Vincent Stewart, direttore della Dia, ha negato le manipolazioni, sottolineando che i dati delle analisi non sempre sono oggettivi e devono essere interpretati. Lo stesso generale ha dichiarato di ritenere difficile mantenere Iraq e Siria come Stati unitari, affermazione che ha destato qualche sorpresa, essendo l'opposto della linea finora sostenuta da Obama. 

La politica in Medio Oriente della Russia sembra più lineare e, in parte, continuazione dei rapporti esistenti ai tempi dell'Unione Sovietica, come dimostra il fatto che i curdi e le truppe di Assad combattono con armi russe, mentre i loro avversari sono dotati di armi americane. Sembra quindi di facciata la "sorpresa" di fronte alla notizia dell'invio di armi e soldati russi in appoggio al governo di Damasco. Le trattative con Teheran sul nucleare hanno avuto come discreto sponsor la Russia e lo stesso Obama ha ringraziato ufficialmente Putin per il suo appoggio. Come ben illustra Michela Mercuri su ilsussidiario, ciò ha reso più semplice per Putin giocare a carte scoperte. La strategia russa ha un obiettivo coerente: sostenere Assad, aiutandolo nella lotta contro Isis e al-Nusra, e partecipare in prima fila al riassetto futuro della Siria, che probabilmente anche Putin, come il generale Stewart, vede destinata a una divisione. 

Obama si trova invece di fronte a varie contraddizioni: persegue ancora il mantenimento di uno Stato unitario in Siria dopo la cacciata di Assad, ma si trova di fatto alleato di quest'ultimo, e della Russia, contro gli estremisti; la battaglia contro il regime di Damasco, sostenuto dall'Iran, rischia di compromettere il faticoso cammino degli accordi con Teheran; l'alleanza con l'Arabia Saudita, pur in crisi, lo mette ancora una volta in rotta di collisione con Teheran, che sostiene apertamente i ribelli sciiti in Yemen bombardati dai sauditi. L'Europa è come al solito assente, ma questa volta almeno giustificata dalla tragedia dei profughi che si stanno riversando attraverso i suoi confini, una tragedia per la quale sarebbe giusto denunciare altri responsabili che non l'Ungheria di Orban.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.