BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IMMIGRATI/ La polizia della Repubblica ceca marchia sul braccio i profughi

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Immagine di archivio  Immagine di archivio

L'Europa sempre più sul punto di saltare per aria. La situazione a Budapest è sempre drammatica, con migliaia di profughi che stazionano da giorni e notti davanti alla stazione della capitale ungherese che le autorità hanno chiuso. In centinaia manifestano in pazza Baross mentre ieri notte sarebbero entrati altri 500 profughi e sarebber stati inviati altri duemila poliziotti al confine. Arriva così la notizia che la polizia della Repubblica ceca ha cominciato a marchiare sul braccio i migranti che entrano nel paese, sembra anche i bambini, un gesto che ovviamente porta alla memoria la tragedia degli ebrei durante la dittatura nazista. Con un pennarello indelebile viene scritto il numero del treno di arrivo e il vagone, probabilmente per cercare di mettere ordine nel caos, e i profughi immediatamente arrestati. Il quotidiano ceco Mlada fronta Dnes ha pubblicato una foto di una bambina che dorme in braccio alla madre su cui è visibile il marchio "C5". Un'altra notizia riporta che l'Italia avrebbe intenzione di sospendere gli accordi di Schengen al Brennero, su richiesta della Germania. E nel tunnel della Manica questa notte i treni sono stati bloccati perché sui binari c'erano immigrati che camminavano con centinaia di passeggeri rimasti bloccati nei treni per tutta la notte. 



© Riproduzione Riservata.