BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

UCRAINA/ Levitskyy: le sanzioni? un frutto avvelenato dell'ideologia peggiore

Victor Levitskyy (Immagine dal web) Victor Levitskyy (Immagine dal web)

Un frutto avvelenato della crisi è l'aver disegnato una sorta di demarcazione etnica sulla mappa del paese. Un'operazione del tutto scorretta. Il Donbas è parte integrante dell'Ucraina e i suoi abitanti sono ucraini che parlano russo. Dobbiamo avere il coraggio e la forza di pensare alla reintegrazione del Donbas nell'Ucraina, un paese abitato da cittadini che parlano ucraino e cittadini che parlano russo. Solo pensando alla reintegrazione del Donbas possiamo vedere all'orizzonte la fine dei conflitti.

 

Come giudica il coinvolgimento degli Stati Uniti?

Gli Usa sono una potenza globale e sono ovviamente molto coinvolti nella crisi ucraina come in numerosi altri processi geopolitici globali. Ciò che accomuna molti di questi processi, a mio avviso, è la forte contrapposizione fra ideologie di civiltà. E in questa contesto i compromessi sono più difficili. Ma non c'è alternativa alla ricerca di una cornice condivisa in cui stemperare i conflitti.

 

Per chi desidera, è disponibile questo indirizzo web per poter seguire l'intero evento del seminario sull'Ucraina in diretta streaming: clicca qui per il link.

© Riproduzione Riservata.