BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CAOS MIGRANTI/ Blangiardo: all'Italia "servono" 14 milioni di stranieri

Infophoto Infophoto

In teoria sono entrambe le cose, ma a contare è soprattutto il ruolo attribuito agli stessi immigrati in relazione a noi. Per esempio una badante straniera dà un grosso contributo a una famiglia, e quindi svolge un lavoro molto utile per la società. Nello stesso tempo la badante è a carico del sistema sanitario, e siccome il suo indice Isee è basso gode di una serie di altri benefici.

 

E quindi?

Per la famiglia dell'anziano assistito la badante è quindi una risorsa, ma un italiano sfrattato che vorrebbe accedere ad alloggi convenzionati vede soltanto il bicchiere mezzo vuoto legato alla presenza degli immigrati. Proprio per questo è importante evitare le situazioni che creano poi contrasto e contrapposizione tra le parti. Ma questo è tanto più difficile quanto più i numeri degli immigrati vanno crescendo.

 

Da che cosa dipende che la presenza degli immigrati sia o meno un bene?

Dipende da un processo di integrazione tra italiani e stranieri nel quale stiamo assistendo anche a dei buoni risultati. E' però un equilibrio delicato, ed è tanto più delicato quanto più si gioca su grandi numeri. Soprattutto un'ondata improvvisa di arrivi crea maggiori difficoltà. Se invece queste dinamiche sono più graduali e quindi consentono al tessuto sociale di metabolizzare la progressiva evoluzione, ciò è accolto in modo più favorevole da parte della popolazione autoctona. Si crea quindi un'interazione positiva che gratifica gli stessi stranieri, e tutto si muove nella direzione giusta. Bisogna però lavorare con numeri che siano sostenibili rispetto al contesto in cui si colloca l'immigrazione.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
04/09/2015 - ho io la soluzione (Alberto Pennati)

Invito tutte le persone, che non intendono individuare criteri ma sono aperte alla accoglienza a qualsiasi costo, ad aprire le porte di casa loro e di impegnarsi quotidianamente per sfamare soprattutto gli irregolari ed i clandestini, anche nutrendo la loro anima, parlando loro dell'Unica Verità, dell'Unico DIO: la SS. Trinità.

 
04/09/2015 - E scusate se è poco! (claudia mazzola)

Selezionare i profughi a comodo? Io conosco un regno che queste cose non le fa: la Santa Chiesa.

 
04/09/2015 - Servono criteri di ammissione (Giuseppe Crippa)

Molto correttamente il prof. Blangiardo propone soltanto considerazioni di natura numerica, ma non è possibile eludere il fatto che non tutti coloro che chiedono di stabilirsi in Italia hanno la medesima volontà di integrarsi. Non potendo accogliere tutti, sarebbe compito della politica stabilire e far rispettare criteri di ammissione che tengano conto anche di questo aspetto, tutt’altro che trascurabile.

 
04/09/2015 - Va bene ma facciamo i furbi anche noi (Vittorio Cionini)

Sicuramente gli i migranti sono una risorsa preziosa per una popolazione europea che invecchia a vista d'occhio. Ma non facciamoci fregare dalla Merkel che ha aperto le porte ai "siriani" cioè a persone che provengono da un paese con un buon livello di cultura, molti laureati e professionisti da impiegare subito in attività di alto livello. Quando andremo a fare i conti (tanti a te e tanti a me) si scoprirà che noi, cercando di ciurlare nel manico con le identificazioni e i CARA, ci ritroveremo masse di disgraziati da mandare sotto il sole a raccogliere pomodori, mentre gli altri si sono accaparrati i progettisti delle auto di nuova generazione.