BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CRISI MERKEL/ 40% di sfiducia in Germania: e se fossero i profughi a farla dimettere?

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

La Merkel ha ribadito più volte che la CSU è un partito cristiano, e che deve quindi essere sensibile al tema dei migranti. A ciò si è aggiunto un calcolo sulla risorsa economica che potevano costituire i rifugiati in quanto forza lavoro. Il problema è stato il fatto che si è trattato di un’operazione enorme e improvvisa. La Merkel ha sopravvalutato la capacità di farcela, e adesso cerca di tenere botta. Ne sta pagando in termini di popolarità, ma tiene duro perché è convinta di avere fatto una buona cosa.

 

Il suo governo è a rischio?

Il punto è che in Germania non esiste una grossa personalità in grado di rappresentare un’alternativa alla Merkel. Il cancelliere tedesco è un personaggio singolare e complesso, molto di più di quanto non sembri. La stampa italiana però non è in grado di recepirlo, perché né confronti della Germania e della Merkel c’è un’avversione di bassa lega.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.