BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

CHARLIE HEBDO/ Un anno dopo la strage: l'assassino è Dio ed è ancora libero

Il prossimo numero del gironale francese Charlie Hebdo in occasione dell'anniversario della strage in redazione pubblica una copertina accusando Dio di essere l'assassino

La copertina del prossimo numeroLa copertina del prossimo numero

Ricordano a modo loro la strage di un anno fa nella redazione del giornale francese Charlie Hebdo. Nella copertina del numero che sarà in edicola il prossimo 6 gennaio, appare la scritta: "Un anno dopo, l'assassino è ancora in libertà": Chi sarebbe l'assassino? Per i redattori di Charlie Hebdo è Dio, anche se non specificato di quale religione, anzi sembra assommare un po' la divinità delle religioni monoteiste, islamica, ebrea e cristiana, con tanto di mitraglietta sulle spalle. Autore della copertina è il disegnatore e direttore del giornale Laurent Sourisseau (che rimase ferito gravemente nell'attacco del 7 gennaio 2015) che ha anche scritto l'editoriale di questo numero. Per l'anniversario della strage il giornale sarà stampato in un milione di copie. Nel suo editoriale un attacco a tutte le religioni, dai "fanatici brutalizzati dal Corano" a tutti coloro che hanno sperato nella morte del giornale "perché osa prendere in giro le religioni". In ocasione dell'anniversario della strage è prevista una cerimonia commemorativa a Parigi a cui prenderà parte anche il presidente della Repubblica Hollande. 

© Riproduzione Riservata.