BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

STATI UNITI/ Il giudice della Corte Suprema: non siamo una nazione religiosamente neutrale

Per il giudice della Corte suprema di giustizia americana, il cattolico Antonin Scalia, gli Stati Uniti non sono una nazione religiosamente neutrale, ecco cosa ha detto

Immagine di archivio Immagine di archivio

Antonin Scalia, uno dei giudici della Corte suprema di giustizia degli Stati Uniti è intervenuto nei giorni scorsi a proposito del concetto di separazione fra religione e Stato, argomento molto sentito in America. Parlando in una scuola cattolica della Louisiana, il giudice, cattolico praticante, ha detto che l'idea di "religiosità neutrale" non è parte delle tradizioni costituzionali americane. Sebbene sia vero, ha spiegato, che il primo emendamento vieti di fare preferenze tra una religione e un'altra non si dice in alcuna parte della costituzione stessa che il governo debba essere "neutrale" a proposito della religione. Scalia ha poi detto che solo negli anni 60 la neutralità dei governi nei confronti della religione è diventata legge, quando giudici attivisti hanno imposto la loro visione contro quella della maggioranza del popolo americano. Non c'è niente di sbagliato o di male che i presidenti invochino Dio nei loro discorsi, ha detto ancora, Dio è stato buono con noi ed è giusto chiedere la Sua benedizione.

© Riproduzione Riservata.