BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CAOS SIRIA/ Jean: dopo Aleppo, Putin vuole spopolare il paese

Pubblicazione:

LaPresse  LaPresse

La Turchia mira ad avere la prevalenza nel mondo sunnita e a contenere l’espansione degli sciiti. Nello stesso tempo Ankara si trova a convivere con il problema dei curdi. Di conseguenza ha assunto una politica ambigua che consiste da un lato nel fornire forme di sostegno allo stato islamico, lasciando per esempio passare reclute e rifornimenti, e dall’altra nella volontà di impedire che i curdi acquisiscano forme molto forti di autonomia se non di indipendenza.

 

Qual è il legame tra curdi siriani e Pkk?

I curdi siriani sono sempre stati molto legati al Pkk, che ha difeso massicciamente Kobane dall’assedio dell’Isis. Adesso la Turchia è molto preoccupata perché il Pkk sembra avere concentrato le sue forze a nord-ovest di Mosul, e teme che la liberazione della capitale dell’Isis sia opera soprattutto del partito curdo.

 

Quale scenario si attende per la Siria a questo punto?

Tutti sono in attesa di vedere che cosa avviene in Iraq. Anche però con una caduta di Mosul e una scomparsa dello stato islamico non è detto che cessi il conflitto in Siria. La maggioranza sunnita infatti non accetterà mai il governo di Assad, soprattutto dopo 400mila morti, 7-8 milioni di sfollati e la distruzione della seconda città siriana, Aleppo.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
05/10/2016 - La voce dell'America e dell'Arabia Saudita (ALBERTO DELLISANTI)

A questa voce che capovolge la verità è guadagnata l'opinione del Generale Jean. Un capitolo dolorosissimo quello della Siria, voluto dai Sunniti, ma WAHABITI, della potentissima dinastia dei Saud (i padroni di Arabia Saudita) oltre che dei co-Monarchi correligionari, padroni delle Monarchie del Golfo Arabico (ex Golfo Persico). Tutti loro sono la grande madre dello jiadhismo, non solo dell'ISIS, ma di tutti i luoghi del mondo musulmano Sunnita (Africano, Medio Orientale, Centro Asiatico) dove la penetrazione a suon di petrodollari ha creato il quadro che tormenta l mondo. Il dittatore laico Assad faceva il dittatore, come tutti da quelle parti, ma lasciava convivere i tanti diversi che sono i Siriani, la maggioranza Sunnita; gli Sciiti (ovviamente) cioè la minoranza di Assad; i Cristiani di tutti i colori e ogni Altro gruppo di popolazione. Assad andava abbattuto (come Saddam Hussein, e Gheddafi, e...). La Siria fa immensa gola ai mostruosi Saud, ma pure alla Turchia che ha quindi prestato il suo fianco per massacrare l'odiato Assad (quindi una gran quantità di Siriani). Gli USA hanno finanziato e armato fino ai denti tutto ciò. Sono co-autori del martirio siriano. Assad non ha in nulla evitato di combattere la guerra che gli è stata scatenata contro. Rileggere l'articolo documentato di M. Bottarelli del 30/9 con la verità su tutti, anche sui Russi sui quali scaricano tutto. E leggere i Padri delle Chiese del M.O. chiarissimi su ciò che è vero e su ciò che è falso.