BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DONALD TRUMP/ Attivisti a pagamento contro il neo presidente: l'annuncio online

Pubblicazione:

Immagine dal web  Immagine dal web

In America si sa il lavoro è una cosa seria. Gli americani riescono a far fruttare anche i sassi. E' così che un sito online ha messo un annuncio: si cercano attivisti e manifestanti anti-Trump, ottime paghe, dai 15 ai 22 dollari all'ora". Pagati per far casino per strada, chi non ne avrebbe voglia. Il sito ovviamente si presenta come seria organizzazione anti establishment, "Washington can!" offre "una esperienza nel settore maturata in 50 anni. Il nostro programma di formazione è il migliore in circolazione. Ti insegneremo le abilità di cui avrai bisogno. Il nostro team di gestione ha un'esperienza combinata che supera i 50 anni. Al Washington Can! potrai lavorare presso la nostra sede principale a Seattle." Mica come da noi che ci si improvvisa contestatori alla giornata. In America per rendere bene sul posto di lavoro bisogna essere motivati: "Stiamo cercando persone motivate alla ricerca di un impiego full-time, part time o per posizioni permanenti". L'annuncio era stato prima pubblicato da un quotidiano, ma le lamentele dei lettori l'hanno obbligato a rimuoverlo, così è apparso sulla rete, anche se hanno dovuto togliere la definizione "anti Trump" e mettere un più generico "attivisti per fermare l'agenda politica del tycoon". Per spaccare qualche vetrina ci sarà anche l'assistenza medica e l'opportunità di fare carriera: "Incontrerai regolarmente gli organizzatori, i lobbisti e i direttori esecutivi avendo davvero l'impressione di essere direttamente coinvolto nel nostro lavoro. Garantiamo agevolazioni mediche, dentali, oculistiche, piano pensionistico, vacanze pagate, giorni di malattia pagati, vacanze e permessi di assenza. Possibilità di avanzamento e di viaggio. La paga media è 15-22 dollari all'ora". Intanto lo staff di Trump ha chiesto a Obama e alla Clinton di mandare un messaggio ai manifestanti che da gironi marciano nelle città degli Stati Uniti provocando incidenti: "E' davvero ora che il presidente Obama e l'ex segretario di Stato Clinton dicano a questi manifestanti 'quest'uomo è il nostro presidente'".



© Riproduzione Riservata.