BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VISTO DA ISRAELE/ Herzog: Obama ha lasciato troppe porte aperte, Trump deve chiuderle

Pubblicazione:

LaPresse  LaPresse

"Donald Trump non ha mai parlato apertamente della sua politica estera durante la campagna elettorale" dice Michael Herzog, editorialista del quotidiano Haaretz, al sussidiario.net. "L'unica cosa che abbiamo potuto capire fino ad ora è che una delle sue priorità sia abbandonare il ruolo di guardiano mondiale della sicurezza che è sempre stato tipico degli Stati Uniti in politica estera". Un ritorno all'isolazionismo del periodo tra le due guerre mondiali dunque, ma assai difficile da mantenere data la situazione gravissima in Medio Oriente, parzialmente per colpa degli stessi Stati Uniti: "La passata amministrazione è stata molto poco decisa in questo scenario, lasciando le porte aperte a molti altri protagonisti, la Russia prima di tutti".

 

In che direzione muoverà secondo lei la politica estera del nuovo presidente nello scenario mediorientale?

Difficile dirlo ora, perché Trump durante la campagna elettorale ha parlato pochissimo di politica estera. Pensiamo che in generale cercherà di essere più determinato di quanto lo siano stati gli Usa fino a oggi, ma ad esempio a proposito della Siria nessuno sa come si muoverà.

 

Lei che cosa immagina al proposito?

Io penso che Trump cercherà un accordo con la Russia per trovare una soluzione politica alla guerra in Siria. Per quanto riguarda l'Iran, anche in questo caso credo che la sua politica estera sarà molto più risoluta di quanto lo sia stata quella degli Usa fino a oggi. Così almeno ha detto in campagna elettorale, ma si sa che quello che dici in quelle situazioni quasi sempre è poi diverso dalla pratica. Sono abbastanza scettico.

 

Per quanto riguarda invece lo scenario israelo-palestinese che supposizioni fa?

Grande incertezza anche qui. Mentre Obama è stato sempre dichiaratamente sostenitore di Israele, non sappiamo cosa pensi Trump. Ma credo che Israele e Palestina non rientrino nelle priorità della sua agenda di politica estera.

 

Trump ha fatto capire che gli Usa con lui torneranno all'isolazionismo di vecchia scuola, pensa che sarà così?

Ha fatto capire chiaramente che non è interessato a quel ruolo di guardiani della sicurezza mondiale che gli Stati Uniti hanno sempre avuto. Personalmente penso che cercherà di navigare tra un certo isolazionismo e la ricostruzione della credibilità del suo paese nell'arena internazionale.

 

Una credibilità persa a causa dei tanti errori in questo campo della passata amministrazione, è d'accordo?

Onestamente non sono d'accordo, non credo che Obama abbia causato lui i tanti problemi che ci sono oggi in Medio Oriente, ma certamente non ha fatto molto per cercare di risolverli. Penso però alle guerre, al fondamentalismo, ai profughi, tutte situazioni che originano dalla poca determinazione della sua amministrazione.

 

E voi israeliani cosa chiedete principalmente?



  PAG. SUCC. >