BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SIRIA/ Cosa può accadere se Trump rottama i "neocon"?

Pubblicazione:

LaPresse  LaPresse

Per far questo, nel programma politico è previsto il divieto per cinque anni ai dipendenti della Casa Bianca di impiegarsi come lobbisti alla fine del proprio mandato e divieto a vita di essere al servizio di stati esteri. In agenda è anche il divieto ai lobbisti di stati esteri di fare donazioni per scopi elettorali negli Stati Uniti. Nello stesso senso va il progetto di abolire tutti gli atti esecutivi presidenziali incostituzionali emanati dalla presidenza Obama (molti riguardano atti di guerra decisi senza l'avvallo del Congresso). Inoltre sarà definito un limite oltre il quale i parlamentari non possono più essere rieletti. In definitiva, è chiaro che l'intenzione politica è quella di scardinare dalle fondamenta l'apparato corporativista che agisce solo per proteggere e arricchire se stesso a spese della collettività.

Perciò l'establishment attuale, le corporazioni finanziarie e i media che finanziano, faranno di tutto influenzare la scelta della squadra di governo. Però non potranno non tenere conto che il popolo americano ha fatto sapere chiaramente che non condivide le ossessioni delle élite. Da parte sua, Trump è sempre stato chiaro sull'irragionevolezza e la pericolosità manifesta di appoggiare il terrorismo jihadista per fini geopolitici terzi. Per questo motivo sabato sul Wall Street Journal ha ribadito che la via che seguirà sarà quella di collaborare con i russi e con Assad, cioè "con chi sta combattendo seriamente Isis" ed i terroristi. 

Ciò vuol dire che comunque vadano le cose, la vittoria di Trump evita innanzitutto l'attacco diretto degli Stati Uniti (tanto gradito ai sauditi) che Hillary Clinton aveva messo in agenda "come priorità numero 1" del suo mandato.

Prendendo atto di questa nuova prospettiva e sulla base del fatto che il Dipartimento per la Difesa lo ha avvisato che al Qaeda sta preparando attentati in Europa e negli Usa, il presidente Obama ha attuato alcune iniziative inaspettate: già il giorno dopo l'elezione di Trump, il Dipartimento di Stato ha designato il gruppo jihadista Jabhat Fath al Sham (ex al Nusra appartenente ad al Qaeda) come organizzazione terroristica.  Ed il giorno successivo, l'11 di novembre, il Dipartimento del Tesoro americano è intervenuto per "interrompere le operazioni militari, di reclutamento e di finanziamento del gruppo al Nusra (e di tutti i suoi alias). Il provvedimento colpisce anche il suo capo, lo sceicco Abdallah al-Muhaysini ed i suoi luogotenenti. Inoltre, sempre l'11 novembre, il Pentagono ha ricevuto l'ordine dal presidente uscente di "spendere più energie e risorse per individuare e perseguire il suddetto gruppo terroristico". E' una svolta a 180 gradi: gli Stati Uniti finora hanno sostenuto al Nusra, ora l'hanno designata come obiettivo. 

Il Cremlino ha comunque fatto sapere tramite il suo portavoce Dmitry Peskov che la situazione non permette di attendere nell'inerzia fino all'insediamento del nuovo inquilino della Casa Bianca. Infatti, nelle ultime ore l'aviazione russo/siriana ha condotto numerosi airstrikes sulle posizioni terroriste a nord di Hama e a sud di Idlib. Numerosi airstrike anche a ovest ed a sud ovest di Aleppo. 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >


COMMENTI
19/11/2016 - Patrizio Ricci e il commento di Cazzanelli (ALBERTO DELLISANTI)

Forse il commento non lo ho letto bene, ma mi pareva che il sig Cazzanelli non fosse in completa sintonia con Patrizio Ricci, di cui condivido ogni parola del presente articolo. Comunque ho ben capito che Cazzanelli non la pensa mica in modo diverso da me. Anzi ho cercato con curiosità di leggere l'articolo di cui al link che lui ci ha sottoposto. Ma non si trova niente. Certo ho un po' più di speranza di lui che Trump riesca nella difficilissima impresa di mettere un limite ai tremendi Soros. Proprio tremendi. Se anche li leggi all'incontrario, sempre Soros trovi. Al commentatore faccio solo presente una sua imprecisione. I Musulmani Sunniti della confessione WAHABITI non sono Turchi. I Sunniti Wahabiti sono purtroppo anche i Custodi dei luoghi sacri a tutto l'Islam: La Mecca e La Medina. Dunque la gigantesca Famiglia Reale dell'Arabia Saudita (la Famiglia dei Saud). Wahabiti sono i Saud (e il popolo su cui regnano dispoticamente). Ma anche le Monarchie ("minori" per territorio e popolazione rispetto a quella dei Saud) e tutte nella penisola arabica, Qatar, Emirati Arabi, Kuwait, ecc.). I Turchi sono Sunniti, ma niente affatto Wahabiti. Certo che Erdogan ha fatto lo stesso sporchissimo gioco dei Wahabiti (e del supremo alleato USA) nel favorire lo jiahdismo e l'ISIS. Lo ha fatto nella chiave di estremizzare il Sunnismo Turco di versione moderata, e in chiave anti curda. Ora che è lo spietato dittatore della Turchia vedremo cosa fa. (Guarda sia a USA che a RUSSIA).

 
16/11/2016 - le guerre umanitarie hanno ragion d'essere solo .. (CARLO CAZZANELLI)

Leggo che «guerre umanitarie passate e quelle in corso hanno la loro ragion d'essere solo in funzione della politica interna degli USA e, all'occasione, dei loro alleati ...»: mi stupirei di uno stato che facesse guerre contro gli interessi della «sua politica interna e dei suoi alleati»; insorgerebbe invece timore per i nostri interessi e per la pace quando notassimo che gli interessi interni Usa paiono solo quelli della supremazia del petroldollaro mentre i loro alleati più influenti pare siano i turco-wahhabiti; purtroppo dal Kosovo all’Ucraina, da Saddam a Gheddafi, dalla Siria allo Yemen, il suddetto timore parrebbe fondato. Trump cambierà davveroi detta gamma di interessi? Quelli che sottesero tutti i regime changes che hanno fatto strage e diaspora di Cristiani, Yazidi, nonché di muslim che non siano filo turco-wahhabiti? Forse Trump potrebbe contare su quest’ultimi alleati meno di quanto Obama si sia fatto usare da loro, ma difficilmente Trump potrà sottrarsi alla potenza della finanza cinica che galleggia sulla supremazia del petroldollaro e che decide chi salvare o affossare a seconda che sia pro o contro tale supremazia, spostando G$ con pochi clic modo Soros, o azionando missili e droni. Ricordiamo che il complesso militare-industriale è primariamente un complesso che è mosso da G$ e spara principalmente affinché i G$ si muovano nel mondo come vuole chi più ne dispone http://www.xamici.org/rs/2016/11.15ComplessoMilitareIndustrialeFavorisceInsorgenzaGuerre_q.htm