BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ATTENTATO IN TURCHIA/ Foa: dietro ci sono i curdi o i servizi segreti di Erdogan

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

ATTENTATO IN TURCHIA. Mercoledì sera una autobomba è esplosa nel centro di Ankara colpendo un convoglio militare in movimento. Il bilancio provvisorio è di 23 morti e 61 feriti, ma il numero delle vittime continua a salire. Il governo turco ha imposto la censura sulle immagini relative all’attentato, che è avvenuto a 300 metri dal parlamento e dal quartiere generale dell’esercito. Per Marcello Foa, giornalista e docente di comunicazione nell’Università della Svizzera italiana, “questo attentato è legato evidentemente alle operazioni militari che la Turchia sta conducendo in Siria contro i curdi. Potrebbe essere una ritorsione da parte degli stessi curdi, ma potrebbe essere anche un attacco organizzato dai servizi segreti turchi per giustificare un’invasione in grande stile”.

 

Foa, come legge l’attentato avvenuto nel centro della capitale turca?

Considerazioni così a caldo sono premature, ma la logica vorrebbe che dietro ci siano i curdi. Non ho mai creduto a una possibile matrice dell’Isis dietro agli attentati in Turchia, in quanto il califfato è stato ed è finanziato e sostenuto dal governo Erdogan. L’offensiva dei turchi contro i curdi siriani è pesante e questo attentato potrebbe essere la risposta, o meglio un avvertimento: “Attenzione che possiamo colpirvi anche noi e portare il terrore in Turchia”.

 

I curdi siriani e il Pkk turco rappresentano effettivamente un movimento unitario?

Al di là di considerazioni politiche, quando uno vede il proprio popolo martoriato e bombardato in modo forte, come apparentemente sta facendo la Turchia in Siria, scatta un istinto di solidarietà e una voglia di farla pagare. Anche se non ci sono rapporti diretti e le fazioni moderate prendono le distanze dal terrorismo o comunque dalla resistenza armata, di fronte a una situazione di guerra come quella che è in corso in Siria è possibile che le fazioni curde più estreme vogliano vendicarsi di quanto accade ai loro fratelli.

 

E’ possibile che ci sia un legame anche con l’invasione di terra in Siria annunciata da Erdogan?

E’ possibile, ma potrebbe esserci dietro anche la mano di qualcun altro. Qualcuno potrebbe cioè avere organizzato l’attentato per dire: “I curdi ci portano il terrore in casa e noi dobbiamo fargliela pagare”. La pista che porta ai servizi segreti turchi non è affatto inverosimile. E’ presto per capirlo, quello che è certo è che l’attuale clima di tensione esaspera gli animi di tutti rendendo più plausibili gesti estremi come l’attentato di Ankara.

 

In gennaio un attentato a Istanbul era costato la vita a dieci cittadini tedeschi, e il governo turco lo aveva attribuito all’Isis. Perché anche questa volta non potrebbe esserci la stessa matrice?


  PAG. SUCC. >