BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

DIARIO ARGENTINA/ Anni 70, la "grana" in più per Mauricio Macri

Mauricio Macri (Infophoto)Mauricio Macri (Infophoto)

Nell'articolo viene citata due volte la senatrice Norma Morandini, giornalista e militante per i diritti umani, uno degli emblemi di questa causa, a sostegno delle tesi elencate, che includono la fine delle lungaggini giudiziarie contro magistrati e avvocati di quella triste decade. "Sono stata sempre, sia nel mio ruolo di giornalista che di legislatrice, un'oppositrice onesta, contro l'utilizzo a fini politici dei diritti umani - ci ha detto -. Ho seguito il processo del Nunca Mas e ho partecipato attivamente alla ricostruzione di quel rompicapo macabro nel quale ho perso un fratello e una sorella che, per una coincidenza, si chiamavano Nestor e Cristina".

"Nel 2001 ho scritto un libro che si intitola 'Dalla colpa al perdono', in cui mi sono chiesta che cosa fare con il passato. Parlo molto della riconciliazione, ma non di quella con i repressori, se non con noi stessi. Gli anni della dittatura per me non hanno significato la lotta tra due demoni (militari e gruppi terroristici). Per me il demone era uno solo, la violenza, e non ho mai distinto tra morti buoni e cattivi, fatto che mi ha attirato le critiche di parte delle organizzazioni per i diritti umani. Per questa ragione nell'editoriale mi si associa a qualcosa che non ho mai lontanamente pensato. Questo torto è stato riparato non solo dalle scuse del giornale e del suo proprietario, ma sopratutto dalla protesta che è seguita da parte dei suoi giornalisti e collaboratori. Un fatto di indipendenza inedito in Argentina, specie in questi ultimi 12 anni dove si è perseguitata l'attività giornalistica con il concetto di giornalismo militante, obbediente al potere: ma ciò esiste solo nei regimi. Il ripudio generale occasionato da questo articolo è un sintomo di come i diritti umani siano ormai incorporati nella società stessa argentina. I diritti umani sono universali. I processi alla giunta si inquadrano in un atto di giustizia dove i diritti umani devono essere garantiti a tutti, anche ai repressori".

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
07/02/2016 - Argentina (delfini paolo)

I governi Kirchner hanno fatto tanti errori,ma il liberista Macrì complicherà la situazione in Argentina.