BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

BAMBINO STUPRATO/ Austria, confessa un migrante iracheno: ero in crisi di astinenza dal sesso

Nuovo caso di stupro da parte di un profugo questa volta iracheno accaduto lo scorso dicembre a Vienna: ha violentato un bambino di 11 anni perché in crisi di astinenza dal sesso

Immagine di archivio Immagine di archivio

Nuovo episodio di violenza che coinvolge migranti giunti nei mesi recenti nei paesi europei. E' successo lo scorso 2 dicembre a Vienna in una piscina pubblica dove un bambino di 11 anni è stato stuprato da un iracheno di vent'anni. Il quotidiano inglese The Telegraph riporta i retroscena di quanto accaduto: l'iracheno, vent'anni, ha portato il bimbo negli spogliatoi e l'ha stuprato così violentemente che il bambino è stato poi ricoverato in stato di shock e con diverse ferite. Il migrante invece è tornato a nuotare in piscina con dei suoi connazionali. L'iracheno è stato poi interrogato e ha confessato il fatto dicendo che si è trattata di una "emergenza": da quattro mesi non aveva rapporti sessuali ed era in crisi di astinenza. «Ho dovuto scaricare l’energia sessuale accumulata. Non ho mai fatto una cosa del genere, ho una moglie e una figlia in Iraq, ma ero disperato» ha raccontato. La polizia austriaca aveva tenuto nascosto il caso, poi è emerso su facebook e ha dovuto ammettere pubblicamente quanto accaduto.

© Riproduzione Riservata.