BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ITALIANI UCCISI IN LIBIA/ Jean: dietro la morte di Piano e Failla una guerra tra bande

Per CARLO JEAN, la morte di Salvatore Failla e Fausto Piano in Libia si spiega con la differenza reciproca tra le diverse bande criminali che avevano concorso a rapirli

Infophoto Infophoto

“Non è stato pagato alcun riscatto” per la liberazione di Filippo Calcagno e Gino Pollicardo. Lo ha reso noto il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, nel corso dell’informativa al Senato. Il responsabile della Farnesina ha sottolineato che “sulla base delle evidenze emerse, i quattro italiani sono stati nelle mani dello stesso gruppo durante tutta la durata del sequestro, cambiando solo una volta il luogo di prigionia”. Intanto è polemica dopo che la moglie di Salvatore Failla, Rosalba, ha fatto ascoltare la registrazione audio di una telefonata del marito lo scorso 13 ottobre, quattro mesi prima di essere ucciso insieme a Fausto Piano. “Mio padre era una persona buona. Non ci hanno aiutato a riportarlo a casa”, ha detto Erica, la figlia di Salvatore Failla. Ne abbiamo parlato con Carlo Jean, generale e analista militare.

Generale, la convince la versione fornita in aula dal ministro Gentiloni?

La vera questione è che il contatto tra le autorità italiane e i rapitori non è stato finalizzato. Quindi evidentemente le gang criminali che avevano in custodia i quattro italiani hanno pensato che una volesse prendersi gioco dell’altra. A quel punto hanno preso due dei rapiti a caso e li hanno uccisi. Oppure una banda è scappata con due dei rapiti, molto probabilmente con l’intenzione di chiedere un riscatto in modo autonomo, e mentre erano per strada sono stati attaccati da un’altra milizia.

Secondo lei è stato pagato un riscatto per Calcagno e Pollicardo?

Mi sembra strano che non sia stato pagato dall’Eni, dalla Bonatti o dal governo. E’ abbastanza probabile che il riscatto ci sia stato.

Martedì si sono incontrati Renzi e Hollande. Che cosa stanno preparando?

Renzi ha chiesto a Hollande di agire sul generale Haftar, che è legato a Francia ed Egitto e che si oppone alla creazione di un governo di unità nazionale. L’esecutivo di Al-Serraj a mio avviso però non servirà a niente, perché senza una milizia non ha alcuna forza effettiva. Di conseguenza l’unica cosa che cambierà è che anziché avere due governi ne avremo tre.

Sarebbe possibile una divisione della Libia in due aree?

Ci sono due grosse difficoltà alla realizzazione di questo progetto. La prima è la mancanza di interlocutori, in quanto gli anziani delle tribù non hanno più la forza di una volta perché l’urbanizzazione ne ha indebolito parecchio l’autorità. In secondo luogo i campi petroliferi più ricchi si trovano proprio tra la Tripolitania e la Cirenaica. Riuscire a dividerli equamente è un fatto impossibile.

Renzi e Hollande hanno parlato anche di un possibile intervento in Libia?

L’intervento è possibile solo su iniziativa degli Stati Uniti, non certo di Italia e Francia.

Quale ruolo avrebbe l’Italia in caso di un intervento statunitense?