BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

EUROPA SOTTO ATTACCO/ Jean: l'Isis crollerà e al Qaeda diventerà ancora più pericolosa

Pubblicazione:venerdì 25 marzo 2016

Foto dal web Foto dal web

Credo che una risposta sia più che necessaria. Con qualche bombardamento più mirato e più intensificato, credo che anche i 30mila uomini dello stato islamico avrebbero più difficoltà di quelle che già stanno attraversando. E penso che in Europa qualche attentato non si realizzerebbe.

 

Lei intende dire che l'Isis ha difficoltà sul terreno?

Anche, ma non ancora eccessive. C'è comunque l'esercito iracheno e quello siriano, ci sono i curdi. Ma è soprattutto l'impegno del Pkk che può diventare decisivo. Poi dovrebbe esserci un po' più di appoggio americano. L'Isis può contare al massimo 30mila uomini e al momento comincia ad avere problemi finanziari, di raccolta di fondi, di commercio del petrolio e anche di spese di reclutamento. Hanno problemi e alla fine perderanno, ma certo in questo momento si godono lo spettacolo di un'Europa senz'anima, incapace di risposta, in grado solo di esibirsi in scene di isteria e di pianti. Credo che quando vedono spettacoli isterici come quelli che mette in onda la televisione italiana, ad esempio, gli uomini dell'Isis si mettano a fare festa e cantino vittoria.

 

I 30mila dell'Isis e le cellule europee dimostrano una combattività ben differente da quella dell'Europa.

E' indubbio. Sono pronti a morire, cercano la morte. In più hanno anche capi militari molto capaci. Di fronte a questi radicali terroristi, non possiamo dare l'impressione di perdere completamente la testa. Sapendo ormai che l'America, questa volta, non farà più come in passato: non sbarcherà probabilmente più in Europa e dovremo cavarcela da soli. E piangere non serve a niente, tanto per intenderci.

 

Lei sostiene che comunque alla fine l'Isis, lo stato islamico, crollerà.

Sì, non può resistere a lungo. Alla fine crollerà, perderà questa guerra. Ma non finirà il radicalismo terrorista islamico. Si pensi solo alla permanente pericolosità di Al Qaeda, che non è neppure visibile come lo stato islamico. E poi si può immaginare che qualche altra formazione di terroristi si formerà.

 

(Gianluigi Da Rold)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.