BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ITALIANI IN LIBIA/ Abdel Fattah Hasan: uccisi dallo stesso fanatismo che ha assassinato Regeni

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

Non è vero, in realtà entrambi i parlamenti, sia quello di Tripoli sia quello di Tobruk, sono favorevoli alla stabilizzazione del Paese e alla pace in Libia dopo questo periodo di caos. Sia Tripoli sia Tobruk sostengono quindi l’insediamento del governo di Al-Sarraj.

 

Ne è proprio sicuro?

Sì. Ne è la prova tangibile l’incontro tra i presidenti dei due parlamenti. Aguila Saleh Issa, presidente del parlamento di Tobruk, ha invitato tutti i deputati a votare la fiducia al governo di unità nazionale. La maggioranza dei deputati di Tobruk intende seguire l’invito di Aguila. In questo modo si vuole fornire un’occasione alla riconciliazione nazionale.

 

Perché allora il 25 gennaio il parlamento di Tobruk ha votato contro il governo di Al-Sarraj?

Era una situazione diversa da quella attuale: in questo mese e mezzo tante cose sono cambiate. Sarraj si è recato a Tobruk, ha parlato di fronte al parlamento e partecipato alla discussione. Cinque giorni fa i parlamentari hanno formato una lista scritta, da inviare anche alla missione dell’Onu, con il loro consenso e la loro approvazione nei confronti del governo.

 

Che cosa si aspetta dalla comunità internazionale?

L’intera comunità internazionale deve appoggiare Al-Sarraj e varare sanzioni contro coloro che ostacolano la nascita del nuovo governo. Mi riferisco a una manciata di deputati e allo stesso generale Haftar che stanno facendo ostruzionismo in parlamento.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.