BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

DALLA GRECIA/ Tsipras si prepara per un nuovo "poker"

Alexis Tsipras (Infophoto)Alexis Tsipras (Infophoto)

Per il momento si aspetta la riunione dell'Eurogruppo fissato per il 22 di questo mese. E intanto circolano notizie allarmanti: secondo un quotidiano tra Atene e la Troika si sarebbe arrivati all'accordo di un aumento di un punto percentuale del Fpa (Iva) dal 23% al 24%. Aumento che verrebbe a coprire un buco di 500 milioni di euro. Notizia priva di fondamento? Chissà. Di certo tutti restano con  il fiato sospeso fino a nuovo ordine, fin quando, cioè, non  si leggeranno i titoli di coda, di una trattativa che doveva concludersi alla fine del 2015, poi rimandata a dopo le feste natalizie,e ora, forse prima della Pasqua ortodossa.

 

P.S.: Sono stati resi pubblici i verbali del "processo" avviato dal consiglio disciplinare dell'ordine dei giornalisti di Atene, in cui si leggono le motivazioni circa l'espulsione di alcuni giornalisti che l'anno scorso, per il referendum, si erano schierati per il fronte del "sì". Si legge che sono "colpevoli" di "propaganda" e di aver "creato un clima di polarizzazione" in un "momento difficile per il Paese che ha chiamato il popolo greco per fare scelte democratiche (…) Purtroppo alcuni colleghi, anziché seguire con rigore le regole hanno deviato verso un comportamento illecito, sostituendo la professione giornalista con la propaganda". Chi si ricorda del clima di scontro frontale vissuto nel luglio 2015 sa perfettamente che chiunque si fosse schierato per il "sì" era additato come "merkelista" e "anti-patriottico".

© Riproduzione Riservata.