BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PRIMARIE USA 2016/ I "nervosismi" in casa di democratici e repubblicani

Donald Trump (Infophoto) Donald Trump (Infophoto)

Bernie è già in Pennsylvania dove si voterà settimana prossima. E da lì tuona contro i meccanismi elettorali di questo Stato che lo privano del voto indipendente - come il mio… - e si infuria per i 126.000 rimossi dalle liste elettorali di Brooklyn, non si sa bene perché. Un pataracchio degno dei più malconci paesi del Terzo mondo - con tutto il rispetto per i paesi del Terzo mondo! Sanders non si aspettava di vincere a New York, lo sognava e basta... I giovani lo hanno sostenuto con entusiasmo, ma i "grandi", i potenti e il carro armato del partito lo hanno steso. 

Ancora una volta il partito dei conservatori impazza, quello dei progressisti conserva. 

© Riproduzione Riservata.