BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MURO AL BRENNERO/ Blangiardo: ci sono zero profughi, l'Austria fa solo propaganda

Pubblicazione:venerdì 29 aprile 2016 - Ultimo aggiornamento:venerdì 29 aprile 2016, 15.19

Protesta contro le recinzioni di confine in Slovenia (Infophoto) Protesta contro le recinzioni di confine in Slovenia (Infophoto)

Capisco la provocazione. Nella gestione dei flussi migratori c’è stata comunque una buona capacità da parte del nostro sistema Paese. Qualche volta si è chiuso un occhio rispetto a regole che poi creavano solo maggiori problemi. Un esempio classico è il fatto che in taluni casi, se il migrante si rifiuta, le autorità italiane non prendono le impronte digitali. Questa scelta può essere presentata come una forma di rispetto della dignità della persona, ma è anche un’occasione per non schedare un profugo. Nel momento infatti in cui quest’ultimo raggiunge un altro Paese Ue, non possono rispedircelo indietro.

 

Quindi una sfiducia dell’Austria nei confronti della gestione italiana è giustificata o no?

La sfiducia degli austriaci non è giustificata. Viste anche le dimensioni della crisi, l’Italia ha dimostrato di essere stata in grado di tamponarla nel modo giusto. Certo non è la soluzione, ma sono stati ampliati i centri straordinari e si è cercato di mantenere anche un certo rispetto della vita umana.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.