BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ELEZIONI USA/ Luttwak: i sit in anti-armi della Clinton non ci faranno fare la fine dell'Europa

Hillary Clinton (Infophoto) Hillary Clinton (Infophoto)

Quella che vige in America non è la legge del più forte. E’ semplicemente questione di avere un popolo armato che non tollera il livello di tirannia che i cittadini europei sono costretti a subire ogni giorno.

 

Perché allora 60 deputati Usa hanno manifestato per dire no alle armi?

Le elite europeizzate fanno queste messe in scena, come quella del Congresso, per sviare la democrazia. Nemmeno però nello Stato della California, ultramoderno e ultraliberale, si riesce a fare passare una legge che proibisca l’acquisto di fucili e di pistole. Significa che il popolo americano non vuole innanzitutto la sicurezza bensì la libertà.

 

Perché l’Europa è così diversa dagli Stati Uniti?

In Europa, dopo la pausa delle insurrezioni partigiane nel periodo ’43-’45, si è riasserito il fatto che il popolo deve stare zitto perché ci sono persone migliori degli altri che dicono a tutti che cosa devono fare. In America invece non c’è assolutamente l’obbligo di registrare le armi che sono detenute in casa, in quanto si tratta di un diritto riconosciuto dalla Costituzione. Solo in posti insani come New York ci vuole un permesso per circolare con le armi.

 

Se Hillary Clinton dovesse vincere le elezioni riuscirà a cambiare la Costituzione?

Vorrebbe farlo ma non può, perché il popolo americano non si fa disarmare dai funzionari, dai burocrati o da un’élite culturale europeizzata.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.