BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TURCHIA-ISRAELE/ Herzog: Erdogan ha voluto l'accordo per "liberarsi" dal gas russo

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Benjamin Netanyahu (Infophoto)  Benjamin Netanyahu (Infophoto)

Negli ultimi anni la Turchia ha optato per un orientamento politico che l'ha allontanata dalla tradizionale politica kemalista. Quest’ultima si basava sull’appartenenza alla Nato, sul tentativo di diventare membro dell’Unione Europea, di entrare a fare parte del blocco occidentale e di essere l’unica autentica democrazia nel mondo musulmano.

 

Quindi che cosa è cambiato?

Tutto ciò è cambiato da quanto il partito AKP è salito al potere sotto la leadership di Erdogan. L’orientamento della Turchia si è spostato quindi da Occidente a Oriente, con l’aspirazione di Ankara a diventare un leader regionale che però è fallita a causa dello stato di turbolenza del Medio Oriente. La Turchia ha assunto quindi una linea atipica, rimanendo un membro della Nato ma cercando di affrancarsi dalla politica statunitense. Nel frattempo in politica interna si è trasformata progressivamente in una “democrazia illiberale”.

 

Tutto ciò quale espressione ha trovato nei rapporti con l’Occidente?

Questa natura di “democrazia illiberale” della Turchia ha trovato espressione nei suoi attacchi alla Chiesa cattolica e nello stesso modo in cui ha iniziato a ripetere che “l’Unione Europea ha bisogno della Turchia più di quanto la Turchia abbia bisogno dell’Europa”. Ma soprattutto, uno degli elementi più preoccupanti in politica estera è il fatto che la Turchia e il suo governo si siano allineati con i partiti islamisti come i Fratelli musulmani e Hamas.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.