BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

DALLA GERMANIA/ Katholikentag, quando il clericalismo fa male la fede

InfophotoInfophoto

Ciò non toglie che il Katholikentag, nelle sante messe celebrate nella Augustusplatz di Lipsia, sia stato anche un luogo di incontro con il fatto cristiano: l'invito dell'arcivescovo di Berlino Heiner Koch — "prendete sul serio la possibilità di incontrare Cristo" — è risuonato nella città e porterà certamente i suoi frutti, ma per essere interamente credibile era necessaria una vera "inculturazione" del Katholikentag, che c'è stata solo in parte. 

I responsabili del ZdK sono troppo occupati con i loro problemi clericali per essere fautori di un reale movimento di inculturazione in una regione che non ha un grande legame con la Chiesa: ad esempio intendono presentare a papa Francesco — che aveva mandato, in occasione della manifestazione, un messaggio inaugurale in lingua tedesca sul grande tema della misericordia — una petizione perché la Chiesa romana riconosca il diaconato delle donne, che nelle loro intenzioni non può essere inteso che come primo passo per il riconoscimento del loro stato sacerdotale. Forse si potrebbe invece invitare Sternberg a riformare in primo luogo questa istituzione dei cattolici laici in Germania, piuttosto che chiedere a Francesco riforme che dimostrano una totale mancanza di quel "sentire cum ecclesia" che anche nell'Amoris Laetitia il papa vede come presupposto per ogni passo fecondo della "ecclesia sempre reformanda"; per esempio, potrebbero cominciare proprio con la nomina di una donna al vertice dello ZdK. 

All'opposto di questo clericalismo sta un semplice fatto, anch'esso emblematico, di come dei laici senza alcun potere ecclesiale possano far vedere che Cristo non si è fermato alle porte di Lipsia, ma vi è entrato. Davanti ad una chiesa gli organizzatori del Katholikentag avevano montato un tappeto elastico per bambini. Quando si è timidamente avvicinata una famiglia musulmana perché i bambini erano attratti dal gioco e volevano saltare in compagnia degli altri bambini, una famiglia di giovani cattolici ha subito invitato il papà e la mamma musulmani a sedersi con loro mentre i bambini giocavano insieme. Questo è l'uomo — "Ecce homo" —, con nel cuore il mistero dell'amore gratis che Cristo ha rivelato al mondo.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
03/06/2016 - Grazie, professore! (Giuseppe Crippa)

Confesso che mi riesce molto facile ringraziare il prof. Graziotto per questo articolo perché per una volta condivido pienamente le sue considerazioni sulla democrazia rappresentativa e sul clericalismo di certe istituzioni ecclesiali!