BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

200 MORTI A BAGHDAD/ Mons. Sako: musulmani, facciamo insieme uno stato laico

Pubblicazione:

Il quartiere sventrato dall'esplosione (LaPresse)  Il quartiere sventrato dall'esplosione (LaPresse)

E’ di 200 morti e 200 feriti il bilancio degli attentati avvenuti sabato notte in un quartiere popolare di Baghdad. Un camion frigorifero imbottito di esplosivo è stato fatto saltare per aria mentre la gente festeggiava il Ramadan nelle strade. Lo stato islamico ha rivendicato l’attentato affermando che si è trattata di un’operazione kamikaze. Sempre nella stessa notte si è verificato una secondo attentato quando una bomba piazzata sul ciglio della strada è esplosa in un mercato uccidendo due persone. Ne abbiamo parlato con monsignor Louis Raphael Sako, presidente dell’Assemblea dei vescovi cattolici d’Iraq, presidente del Sinodo della Chiesa caldea e Arcieparca metropolita di Baghdad dei Caldei.

 

Monsignor Sako, come ha vissuto da Baghdad questi attentati?

Dopo la strage lunedì mattina mi sono recato a visitare il luogo degli attentati e a incontrare i genitori che cercavano ancora i loro bambini rimasti dispersi. Si contano quasi 400 persone tra morti e feriti. Io ho pregato e acceso delle candele per mostrare la nostra solidarietà e vicinanza con i nostri fratelli musulmani, la maggioranza delle vittime cui si aggiungono anche due cristiani. Per me è stata un’occasione per condannare questi atti di terrorismo e mandare un messaggio al governo irakeno affinché superi le differenze al suo interno.

 

Perché gli attentati hanno mietuto così tante vittime?

Gli attentati sono avvenuti in un quartiere popolare. I terroristi hanno approfittato della notte perché il clima è buono e durante il Ramadan la gente esce dopo il tramonto. I musulmani vanno a fare la spesa, mangiano, si raccolgono nei ristoranti.

 

Quali sono i sentimenti delle persone comuni residenti a Baghdad?

La gente si è un po’ abituata a questi attentati, a Baghdad risiedono 7 milioni di persone e non possono vivere da recluse. Escono di casa e nessuno sa quando ci sarà la prossima esplosione. Tocca al governo il compito di assicurare la sicurezza e proteggere la gente.

 

Le persone stanno pensando di andarsene?

No, in primo luogo perché la società irakena si basa ancora in larga parte sulle famiglie patriarcali nelle quali ci sono comunione dei beni e affetti. Un irakeno quindi non può pensare di partire da solo. Qui inoltre la gente ha casa e lavoro, e l’economia sarebbe anche florida se non fosse per la corruzione dei membri del governo. Gli irakeni sono molto attaccati alla loro patria: tanti cristiani sono andati via, ma quando uno parte c’è una sofferenza nel cuore.

 

In chi o che cosa sperate voi irakeni?


  PAG. SUCC. >