BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

JUNCKER vs UK/ L'idolatria dentro i palazzi di Bruxelles

Jean-Claude Juncker (LaPresse) Jean-Claude Juncker (LaPresse)

E con questo siamo tornati al povero Juncker. Non la sfanga con tutta questa soda realtà che tracima, lo capisco. Ho già scritto: troppa luce abbaglia. Ora aggiungo: troppa carta ammazza. La coscienza, innanzitutto. La coscienza storica, che un filosofo come Gadamer concepiva come lo stadio più evoluto di educazione dell'umano. Insomma, niente di nuovo sotto il sole: l'idolo serve sempre la causa del nulla. È come un soffio: "Hanno bocca e non parlano, hanno occhi e non vedono, hanno orecchi e non odono, hanno narici e non odorano" (Sal 113). La fenomenologia dell'idolo.

Eurocrazja sulla scena, ecco l'idolo sotto i riflettori. Chi serve gli idoli diventa come loro: "Hanno occhi e non vedono, hanno orecchi e non odono". Effetto specchio: abbraccia un idolo, elevandolo a dio, e diventerai tu stesso un idolo. Abbiamo capito anche questo, oggi. Grazie del contributo, Herr Juncker.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
06/07/2016 - juncker (delfini paolo)

Come cambiano opinione in fretta i vertici della troika, fino ad un mese fa, il Regno unito era un Paese modello, adesso invece....