BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PAPA/ Spadaro: Francesco, la politica della misericordia

Papa Francesco (LaPresse) Papa Francesco (LaPresse)

Se l'Europa considera se stessa solo come uno spazio, allora prima o poi verrà — ed è già venuto — il momento della paura, del timore che lo spazio sia invaso, perché lo spazio va innanzitutto difeso. Se invece l'Europa è da considerarsi come un processo in fieri allora si comprende come esso metta in movimento energie, accettando le sfide della storia.

Ancor prima di essere in guerra-a-pezzi, il mondo non comprende più se stesso:  sembra mancare una chiave di lettura unitaria di quanto sta accadendo. Cosa vede il papa?
Papa Francesco soprattutto è consapevole del fatto che la prima e la seconda guerra mondiale vertevano sulla redistribuzione della potenza fra i principali attori mondiali. La "terza guerra mondiale a pezzi" invece minaccia di scaturire dalla loro relativa impotenza, mentre osserviamo il diffondersi a macchia d'olio di territori non governati o a bassissima pressione istituzionale.

Cosa le suggerisce in proposito il titolo del Meeting, "Tu sei un bene per me"?
"Mai senza l'altro" era il titolo di un libro di Michel de Certeau. La mia vita non è mai concepibile senza l'altro, senza il tu. La vera tragedia non è il conflitto, ma la separazione. La tragedia accade soltanto quando si rinuncia all'altro e ci si separa. In questo senso, ad esempio, Francesco insiste sull'inserimento delle differenze (di epoche, di nazioni, di stili, di visioni…) nel processo di costruzione dell'Europa che, nata dall'incontro di civiltà e popoli, nasce per includere, non per contrapporre o escludere.

(Federico Ferraù)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
25/08/2016 - Francesco e ... secondo padre Spadaro (Giuseppe Crippa)

Capisco bene che l’intervistatore, nella sua bella intervista, non abbia chiesto a padre Spadaro di esprimersi, dopo “Francesco e la Cina” e “Francesco e l’Europa”, su: “Francesco e l’America”: tutti vediamo la consonanza di accenti tra il papa “ecologista” e il presidente degli Stati Uniti. Mi spiace però che non abbia chiesto: “Francesco e la Russia”: si è persa un’occasione per sapere se per padre Spadaro (non certo per papa Francesco) tutte le superpotenze sono uguali…