BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

GEO-POLITICA/ Siria, Turchia e le altre "dormite" dell'Ue

Jean-Claude Juncker (LaPresse)Jean-Claude Juncker (LaPresse)

Ma c'è di più. Domenica quasi 3 milioni di cittadini turchi sono scesi in piazza a sostegno del presidente Erdogan e della sovranità nazionale dopo lo sventato golpe di luglio: una vera e propria parata dell'orgoglio turco, un punto di svolta nazionalista che i media europei ovviamente non hanno colto nella sua complessità, riducendo tutto alla disputa nominalistica sulla reintroduzione della pena di morte: Ankara non vuole più entrare nell'Ue, almeno l'Ankara scesa in piazza l'altro giorno e quindi la questione non è più legata ai trattati o agli status, ma al rapporto politico che l'Unione vorrà intavolare da oggi in poi con la Turchia. Ma non vedo gente come Juncker o la Mogherini molto attenti sul pezzo. 

Chi invece lo è, da bravo scacchista, è Vladimir Putin, il quale oggi riceverà a Mosca proprio Erdogan e gli mostrerà come gira il mondo: ovvero, attorno all'asse euro-asiatico che è nei progetti del Cremlino, altro nodo che l'Europa prona all'alleanza con Washington non riesce a capire e interpretare, limitandosi a pratiche autolesionistiche come le sanzioni contro Mosca per la questione della Crimea: solo nel 2015, ci sono costate qualcosa come 7,5 miliardi di euro. Ma qui non si tratta di vile denaro, né di scambi commerciali, qui siamo a uno snodo della storia: la parata turca, infatti, è stata tutto tranne che islamista, in piazza c'erano le bandiere rosse della nazione e non quelle verdi dell'islam ed Erdogan sembra aver capito ciò che oggi Putin certamente gli ribadirà. Il capo di Stato turco ha imparato la lezione come già a suo tempo la imparò Stalin: ovvero, è lo spirito della nazione che funge da magnete per il popolo. Avanti, prima di tutto, la patria e, al seguito, anche la religione, se serve. 

La distensione fra Mosca e Ankara «non influirà sul ruolo della Turchia nella Nato», dicono all'Auswärtiges Amt tedesco, ma la tensione con l'Europa rischia di compromettere gli storici rapporti fra i due Paesi. Non è un caso che nei giorni scorsi i militari tedeschi di stanza nella base turca di Incirlik siano stati messi in allarme, con misure di sicurezza aumentate. Ufficialmente la minaccia resta sempre quella degli integralisti dell'Isis, ma il timore è altro: Ankara sa che la Germania è l'unica voce che conta nell'Unione e la Germania della Merkel è il burattino degli Usa in seno all'Ue. Di fatto, il duello Berlino-Ankara è solo un proxy di quello tra Washington e Mosca. Viviamo in tempi che non riusciamo a interpretare, temo, poiché non leggibili con gli occhiali di un Occidente senza più valori morali forti: festeggiamo le nozze gay come fossero l'esempio maggiore di progresso e civiltà e ci indigniamo quando Hamza Roberto Piccardo provoca chiedendo la legittimazione anche della poligamia, essendo anch'essa una libertà civile. Come mai non si gridò all'allarme culturale quando Carlo Sibilia del MS5 propose nel 2013 di legalizzare le "unioni di gruppo" e i "matrimoni tra specie diverse"? Perché i grillini non fanno paura ma gli islamici sì? Due punti di riflessione, allora.