BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GEO-POLITICA/ Siria, Turchia e le altre "dormite" dell'Ue

Pubblicazione:martedì 9 agosto 2016

Jean-Claude Juncker (LaPresse) Jean-Claude Juncker (LaPresse)

Primo, sono proprio proposte come quelle dei grillini o le forzature come quelle contenute nel ddl Cirinnà a dare forza alle provocazioni come quelle di Piccardo, il quale inserisce un concetto di sacro (per l'islam) nel diluvio di nulla laicista della società attuale, un mondo di diritti e piagnistei sociali. Secondo, se temiamo una deriva che intacchi la laicità occidentale del nostro Paese, perché chi demonizza Piccardo è al contempo al fianco, ancorché solo moralmente, dei No Borders e di chi ha progettato e reso possibile un'invasione di massa del nostro Paese? Quale livello di lettura della società è saltato, nel frattempo? È che non siamo pronti ai tempi che ci toccherà vivere, non abbiamo lo spirito necessario ad affrontarli con coerenza e lucidità. 

Tornano in mente le parole di Nietszche in Della guerra e dei guerrieri: «La guerra e il coraggio hanno operato cose più grandi che non l'amore del prossimo. Non la vostra compassione, bensì il vostro valore ha finora salvato chi era in pericolo». Bene, l'islam - sia esso quello moderato e istituzionale di Erdogan che quello estremista del Califfato - questo concetto lo hanno assorbito in nuce, essendo cardine del loro credo. Lo stesso vale per la Russia di Putin, Paese dove non sta crescendo l'ateismo, né il laicismo, ma dove, anzi, sta crescendo la spinta vocazionista del credo ortodosso. L'Occidente, invece, è spoglio, arriva nudo al traguardo di un cambiamento di assetti ed equilibri storico: l'America non ha credo, né morale, è un mondo che gira attorno al denaro e all'opportunismo, vive di potere e con esso si auto-perpetua. 

L'Europa no, l'Europa è persa nel limbo di ciò che fu e ciò che vorrebbe essere, mondi antitetici che in momenti storici come questi vanno in corto circuito e ci lasciano senza risposte, se non i plausi alle unioni gay e la certezza del diritto come fondamento dell'impero amorale. Non stiamo capendo cosa ci accade attorno e temo che quando lo faremo, sarà tardi e i dadi saranno già stati tratti. Il mondo che nascerà dalla nuova Stalingrado, ci vedrà come comprimari. Con tutti i rischi e gli svantaggi che questo comporta. 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.