BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

ARABIA SAUDITA/ Si dichiara ateo: condannato a 10 anni di carcere e 2000 frustate per "terrorismo"

Nuovo caso di persona condannata a molti anni di carcere e alla punizione fisica per essersi dichiarato ateo in Arabia Saudita, il paese più intollerante al mondo

Immagine dal webImmagine dal web

Da due anni, in Arabia Saudita la già durissima legge contro chi non si dichiara fedele musulmano è stata inasprita con un emendamento assurdo: dichiararsi ateo secondo le nuove disposizioni significa automaticamente essere un terrorista. Questo perché nella logica dittatoriale del paese, l'ateismo porta a instabilità sociale e a rischio di rivolte contro l'ordine costituito. Un giovane di 28 anni di cui non si conosce l'identità, secondo quanto pubblica oggi il quotidiano inglese The Sun è stato condannato a dieci anni di carcere e 2mila frustate perché sono stati scoperti circa 600 post a sua firma su twitter in cui difendeva la sua libertà di dichiararsi non credente. Secondo la polizia religiosa saudita, i post dell'uomo accusano tutti i profeti di menzogne, ironizzano su alcuni versetti del Corano e sostengono che la religione incita alla violenza, negando infine l'esistenza di Dio. Oltre al carcere e alla punizione fisica è stato condannato a pagare l'equivalente di circa 4mila sterline. 

© Riproduzione Riservata.