BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

BOMBE A NEW YORK/ Jean: un attentato poco "serio" che avvantaggia Trump

Allarme a New York (LaPresse)Allarme a New York (LaPresse)

Sicuramente Trump è il candidato che più si avvantaggia di un clima di preoccupazione crescente.

 

E' esattamente quello che ha dichiarato: "saremo duri, intelligenti e vigili e metteremo fine a tutto questo". Più prudente la Clinton.

Una dichiarazione meramente elettorale, perché nessuno mette fine al terrorismo: potrà assumere forme diverse, passando dalla matrice jihadista e dallo sterminio in stile Breivik al terrorismo ecologico, ma è sempre esistito e sempre esisterà. A mio avvio non ci sono strategie terroristiche precise fatte per sostenere l'uno o l'altro candidato. Se questo fosse lo scopo, il mezzo per ottenerlo sarebbe modificare davvero l'opinione pubblica, con una strage — mi si passi il brutto termine — in grande stile. 

 

E' molto cinico il discorso che stiamo facendo.

Sì, ma è necessario per capire davvero il punto di vista di chi fa questo genere di cose. Per fare quel che le dicevo occorrono moltissimi morti e molti feriti. Nemmeno l'attentato di Boston (di cui si è trovato a New York un ordigno analogo, anche se non è esploso, ndr), è stato tale da poter influire sull'opinione pubblica. Ciò detto, il terrorismo di per sé non cerca i morti, ma gli effetti psicologici conseguenti, la destabilizzazione. Le vittime sono una variabile dipendente di questo primo obiettivo. Ciò che conta è il messaggio. 

 

La fase conclusiva di una presidenza americana può favorire atti terroristici in generale?

No, perché le misure antiterroristiche sono indipendenti da chi è al governo. E comunque, gli inglesi sono esemplari sulla condotta da seguire, perché reagiscono continuando a vivere come se nulla fosse accaduto. Se invece una cosa del genere capitasse in Italia, il rischio maggiore sarebbe il verificarsi di reazioni spropositate, come la caccia all'immigrato per le strade.

 

Dunque siamo un paese favorevole agli attentati?

Sì perché le istituzioni italiane sono fragili, il sistema politico è caratterizzato da liti continue, tutti cercherebbero di strumentalizzare il loro vicino e ci sarebbe un'escalation del terrore, con grossi inconvenienti come quello che le ho detto. 

 

(Federico Ferraù)

© Riproduzione Riservata.