BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BOMBE A NEW YORK/ Jean: un attentato poco "serio" che avvantaggia Trump

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Allarme a New York (LaPresse)  Allarme a New York (LaPresse)

Un ordigno nascosto in un cassonetto dei rifiuti è esploso ieri a Manhattan (New York), nel quartiere Chelsea, ferendo 29 persone. Una seconda bomba, inesplosa, è stata rinvenuta a poca distanza. Si trattava di un ordigno molto simile a quello impiegato nella strage alla maratona di Boston del 15 aprile 2013. A New York l'allerta è massima, anche in vista dell'assemblea generale dell'Onu che comincerà oggi e che porterà al Palazzo di Vetro capi di stato e di governo da tutto il mondo. Il sindaco Bill de Blasio ha negato che si sia trattato di un atto di terrorismo perché non sono per ora collegamenti a gruppi terroristici internazionali. Invece il governatore dello Stato, Mario Cuomo, ha parlato chiaramente di atto terroristico anche in assenza di rivendicazioni. "Una premessa è d'obbligo — spiega al sussidiario il generale Carlo Jean, analista politico e militare —. Se la polizia di New York non è giunta a una conclusione e non rilascia dichiarazioni significative, difficilmente possiamo farlo noi a 6mila chilometri di distanza". 

 

Detto questo, generale Jean?

Detto questo, gli atti terroristici oggi sono compiuti da individui isolati, i cosiddetti lupi solitari, che non hanno collegamenti precisi ma comunicano con parole d'ordine e agiscono. Riviste online come Inspire di al Qaeda o Dabiq dell'Isis indicano genericamente la strategia da adottare e poi ciascuno decide e agisce secondo le circostanze.

 

New York è uno dei cuori pulsanti degli Stati Uniti. Inoltre siamo alla vigilia dell'assemblea generale dell'Onu sui rifugiati: ci saranno capi di stato e di governo, oltre al presidente americano Barack Obama.

Quanto è accaduto non è necessariamente collegato all'evento, ancor meno sulla base delle informazioni che sono state rese note.

 

C'è stato subito un imponente dispiegamento di forze. Ma quanto sono efficaci contro il terrorismo fai da te?

Poco. L'azione dei lupi solitari richiede una forte collaborazione da parte dei cittadini, perché solamente migliaia di persone attente al bene pubblico possono percepire anomalie e dare l'allarme. La polizia da sola non ce la può fare.

 

Per ora l'Isis ha rivendicato l'attentato in Minnesota, ma non la bomba di New York. E' solo questione di tempo?

L'Isis è molto cauto e prima di rivendicare ci pensa due volte. Sicuramente c'è una rete di controllo in tutto l'occidente, però questa, essendo orizzontale e fatta di tante cellule collegate con internet o altri social, deve attivarsi, verificare, e ha bisogno di un certo tempo.

 

Insomma, vogliono essere ben sicuri di essere stati loro.

Sì, e di avere prodotto degli effetti. Sarebbe stato facile rivendicare la fine del volo Egyptair scomparso nel Mediterraneo il 19 maggio scorso, ricorda? Se però non sei stato tu, poi perdi ogni credibilità.

 

Gli Stati Uniti vanno verso il voto, viene spontaneo pensare alle ripercussioni che può avere sulle elezioni un attentato come questo.  



  PAG. SUCC. >