BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BRASILE/ Per Dilma è un golpe, ma 11 milioni di disoccupati "testimoniano" contro di lei

Pubblicazione:

Dilma Rousseff (LaPresse)  Dilma Rousseff (LaPresse)

L'esito della votazione dell'altro ieri al senato brasiliano per la destituzione della presidente Dilma Rousseff pareva quasi scontato: 61 voti contro 20 hanno decretato la fine di un'era e di un processo che dal novembre scorso ha visto indagata l'ormai ex presidente. Le accuse sono chiare: occultamento del deficit statale in favore della sua rielezione nel 2014, falsificazione dei conti pubblici, emissione di tre decreti per modificare i bilanci senza l'autorizzazione del congresso, aver infranto la legge di responsabilità fiscale e gonfiato i limiti di spesa statale in forma unilaterale, aver provocato un aumento del deficit e ritardato i depositi al Banco do Brasil: tutte azioni anticostituzionali classificate come reati di tipo amministrativo. Al di là delle accuse dirette non è sfuggito neppure all'opinione pubblica nostrana come la crisi del sistema paese, incapace di risanare i deficit, si sia direttamente ripercossa sul sistema di governo, che ormai da 3 mesi ha delegittimato Dilma Rousseff.

Lo scenario è estremamente sfavorevole: mai come dall'inizio del suo mandato nel 2014 l'andamento dell'economia è parso tanto in crisi. Il Pil ha mostrato una flessione del 3,8% nel 2015 e si pensa cadrà ancora di un -3,1% quest'anno. La disoccupazione è cresciuta marcando un record di più di 11 milioni di persone, l'inflazione è a due cifre, i conti pubblici sono in rosso per 45mila milioni di dollari. Inoltre, l'ondata di accuse per l'operazione Lava Jato, vincolata all'impresa petrolifera di stato Petrobras, ha contribuito a far cadere in disgrazia l'immagine presidenziale, il tutto condito da una campagna di stampa assai aggressiva.

Sembrano lontani anni luce i tempi d'oro della sinistra brasiliana, che ha governato il paese per 15 anni, quando il PT aveva avviato importanti riforme sociali, incidendo positivamente sull'occupazione e garantendo una significativa redistribuzione della ricchezza grazie alla lotta contro le marginalità con il piano Borsa Famiglia, un sostegno determinante per oltre 30 milioni di persone.

La rottura ebbe inizio il 15 novembre 2015, quando un gruppo di giuristi richiese ai deputati che aprissero un'inchiesta contro la presidente. Tre settimane più tardi il presidente della camera Eduardo Cunha diede il via all'inchiesta, mentre il vicepresidente Michel Temer diffondeva una lettera diretta alla presidente con la quale si accusava Rousseff di escluderlo dalle responsabilità di governo. Nel contempo una commissione speciale si dedicava ad esaminare il caso. Nei mesi seguenti Temer divenne il principale sostenitore dell'impeachment, mentre Rousseff commetteva l'errore politico di nominare il suo predecessore, Lula da Silva, come capo di gabinetto: un'intercettazione telefonica ha messo in luce la scelta come possibile tentativo di proteggere Lula dalle accuse di corruzione in Petrobras.

Il parlamento si spacca: all'inizio di aprile l'avvocato generale dello stato José Eduardo Cardozo lascia ogni incarico per diventare il difensore personale della presidente. Una settimana più tardi la commissione speciale approva il processo e dopo 6 giorni lo fa anche la camera bassa.



  PAG. SUCC. >