BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CLINTON vs TRUMP/ Luttwak: nessuno ha cambiato idea, per questo Donald ha vinto

Pubblicazione:mercoledì 28 settembre 2016

Donald Trump (LaPresse) Donald Trump (LaPresse)

Trump insiste sulla necessità di una politica di protezione industriale, cui invece la Clinton si oppone. Quest’ultima è la candidata dello status quo e in quanto tale sostiene che ci si deve astenere da una qualsiasi politica industriale. Trump invece vuole difendere l’industria americana che sta emigrando in Paesi dove le paghe sono più basse.

 

Che cosa intende con l’espressione “una politica di protezione industriale”?

Per Trump sono necessarie tasse sulle importazioni se il Paese esportatore pratica una svalutazione con lo scopo specifico di vendere di più sul mercato statunitense. Di fronte a Paesi che fanno svalutazioni per vendere di più in America e competere a prezzi molto bassi con le aziende Usa, Trump ritiene che il governo federale debba intervenire.

 

E sul Ttip, l’accordo sul commercio tra Usa ed Europa?

La Clinton lo ha difeso, mentre Trump lo ha attaccato. Il Ttip espone l’industria americana a una concorrenza con Paesi che svalutano le loro valute, e quindi Trump è contrario.

 

Sui temi fiscali invece come si sono differenziati i due candidati?

La Clinton vorrebbe aumentare le tasse, mentre Trump le vuole ridurre. Si tratta delle posizioni tradizionali di democratici e repubblicani, che chiedono rispettivamente più Stato e più tasse e meno Stato e meno tasse. Ognuno ha affermato la sua posizione.

 

Come cambierà la politica estera degli Usa a seconda che vincano la Clinton o Trump?

Trump sicuramente non vorrà mandare soldi e truppe in Iraq, Afghanistan o in qualsiasi altro Paese musulmano. Trump vuole evacuare la presenza americana dal mondo islamico, per lasciare che quest’ultimo trovi il proprio equilibrio da solo.

 

E nei rapporti con la Nato che cosa può cambiare?

Trump è contrario al fatto che gli Usa spendano il 3-4% del loro budget per la difesa destinandolo alla Nato, mentre gli altri membri dell’Alleanza Atlantica sono al di sotto dell’1%. Trump ritiene che ciò non sia giusto, e che gli altri Paesi dovrebbero contribuire di più.

 

Se vince le elezioni, Trump avvierà realmente un rapporto più positivo con la Russia di Putin?

Sì. Il ragionamento di Trump è che gli europei si rifiutano di mandare mezzo milione di soldati in Ucraina, e che di conseguenza non c’è la possibilità di mantenere la situazione. E’ per questo che Trump vuole fare un accordo con Putin. Il suo punto di vista è che è inutile sbraitare e lamentarsi: se non c’è la volontà di difendere l’Ucraina, è necessario arrivare a un accordo pacifico.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.