BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CLINTON vs TRUMP/ Luttwak: nessuno ha cambiato idea, per questo Donald ha vinto

Pubblicazione:mercoledì 28 settembre 2016

Donald Trump (LaPresse) Donald Trump (LaPresse)

“Il candidato che era più sotto attacco, cioè Trump, riesce a guadagnare da questo primo faccia a faccia. Per la stampa d’élite, come il New York Times, è ridicolo anche solo parlare di una candidatura di Trump. Questa immagine è stata smentita dal confronto tv e in questo senso Trump è il vincitore”. E’ il commento di Edward Luttwak, economista, politologo e saggista rumeno naturalizzato statunitense. Il primo faccia a faccia televisivo tra Hillary Clinton e Donald Trump è finito ai punti. Secondo un sondaggio realizzato da CNN/ORC, il 62% degli intervistati si è espresso a favore della Clinton e il 27% di Trump.

 

Professor Luttwak, che cosa cambia dopo questo primo confronto tv?

I sostenitori di Hillary Clinton vogliono la continuità e rimangono dalla sua parte. I sostenitori di Donald Trump vogliono il cambiamento e anche loro rimangono della loro idea. Questo dibattito non è riuscito a dimostrare né che Trump è un cretino, né che la Clinton è impossibile da prendere in considerazione come presidente. Entrambi si sono qualificati agli occhi del loro rispettivo pubblico, mentre ritengo che quasi nessuno vedendoli abbia cambiato la sua opinione.

 

Quindi questo faccia a faccia non è servito a nulla?

L’aspetto più importante di questo dibattito è quello che non è successo. La Clinton non è riuscita a dimostrare che Trump è un incompetente, mentre Trump non è riuscito a dimostrare che la Clinton è una persona moralmente schifosa, bugiarda e truffatrice. Questo dibattito tanto atteso non avrà quindi un impatto politico.

 

Finisce senza vincitori né vinti?

Il candidato che era più sotto attacco, cioè Trump, riesce a guadagnare da questo dibattito. In passato era stato accusato apertamente di essere incompetente e inammissibile. Per la stampa d’élite, come il New York Times, è ridicolo parlare di una candidatura di Trump. Questa immagine è stata smentita dal dibattito, e in questo senso quindi Trump è il vincitore.

 

Trump nel confronto tv è stato più prudente di quanto ci si attendeva?

Il candidato repubblicano chiaramente non ha voluto lanciare attacchi sfrenati contro la rivale, anzi si è autolimitato.

 

Perché ha fatto questa scelta?

Perché quando si attacca duramente un candidato donna, si evoca una reazione che Trump voleva evitare.

 

Che cosa l’ha colpita di più per quanto riguarda i temi affrontati?


  PAG. SUCC. >